Cultura

Casapesenna, l’arte contro ogni forma di violenza: mostra di Anna Maria Zoppi nel bene confiscato

di Redazione

La violenza si sconfigge anche con l’arte e la cultura. E l’idea alla base dell’esposizione “Il diritto alla Vita” mostra dell’artista Anna Maria Zoppi, che terrà una personale al Centro di Aggregazione Giovanile per l’Arte e la Cultura, a Casapesenna (Caserta), in via Cagliari, dal 21 maggio al 4 giugno, con ingresso gratuito. La mostra si terrà all’interno del bene confiscato alla camorra gestito dalla Società Cooperativa Maeditactio, sede anche del progetto Generazioni Fruttuose, finanziato da Fondazione con il Sud. – continua sotto –

Attraverso i dipinti dell’artista, originaria di Casal di Principe, ma oramai apprezzata a livello internazionale, con esposizioni a Neuf Brisach e alla Galerie de Nesle, in Francia, si vuole porre il tema sui molteplici significati e fenomeni della violenza: da quella sulle donne, passando per il bullismo, l’abuso sui minori e l’aborto. Temi che vengono trattati anche all’interno del bene liberato di Casapesenna, in cui ci si fa carico di ragazzi e donne vulnerabili.

“I miei quadri vengono tratti da storie vere, storie che mi colpiscono così nel profondo che ho bisogno di prendere i pennelli e cominciare a dipingere. Attraverso l’arte voglio denunciare i vari tipi di violenza, come quella che rappresento nel quadro ‘Eppure ti amavo’, storia vera di un femminicidio”, dice Zoppi, che sottolinea: “La violenza, in qualsiasi forma, è un problema che si sconfigge anche con la cultura. È il momento di cominciare ad agire sul tessuto sociale del territorio per anticipare il problema”.

Temi che quotidianamente si affrontano all’interno del Centro di Aggregazione Giovanile a Casapesenna, in cui ogni giorno si cerca di sostenere donne e bambini vulnerabili attraverso i servizi come sportelli di consulenza per donne e famiglie, ma anche con supporto ai minori attraverso accompagnamento nello studio e laboratori. “Abbiamo deciso di lavorare su questo territorio e di utilizzare gli strumenti dell’arte e della cultura come opportunità di riscatto sociale”, fa sapere Elisabetta Reccia, presidente della Cooperativa sociale Maeditactio. – continua sotto –

“Il centro di aggregazione giovanile per l’arte e la cultura è nata proprio per simili occasioni di sensibilizzazione sui temi dell’arte e della bellezza. Gli artisti poi come Anna Maria Zoppi che hanno anche una particolare sensibilità sociale e artistica sono un valore aggiunto per questo territorio. Il centro deve procedere sempre in questa direzione nella convinzione che solo in questo modo più giovani possono avvicinarsi senza remore all’arte e quanto meno essere più sensibili alla bellezza. Perché questa canzone sempre coltivata è mai abbandonata. Noi ormai nei beni confiscati cerchiamo sempre più la bellezza”, commenta Giovanni Allucci, amministratore delegato di Agrorinasce.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico