Cronaca

False marche da bollo: 10 arresti in Campania: interdetti avvocati Fori Santa Maria CV e Napoli Nord

di Redazione

Nella giornata di ieri, i carabinieri del Comando Antifalsificazione Monetaria, supportati dai militari dei comandi provinciali di Roma, Napoli, Caserta, Avellino e Salerno, a conclusione di un’articolata attività investigativa, diretta dalla Procura di Napoli Nord in Aversa, finalizzata al contrasto della produzione e distribuzione di valori di bollo falsi, patenti di guida automobilistiche e nautiche, hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misure cautelari nei confronti di 18 indagati. Tra questi, 10 sono finiti agli arresti domiciliari e 5 sottoposti ad obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Per avvocati civilisti dei fori di Santa Maria Capua Vetere e Napoli Nord, coinvolti nelle attività criminose, è stata invece applicata l’interdizione dall’esercizio dell’attività forense (per 2 della durata di 12 mesi, per il restante di 6 mesi). – continua sotto –

Le indagini, avviate nel gennaio del 2020, sulla scorta delle risultanze di precedenti attività sviluppate nello specifico contesto criminale, attivo soprattutto in Campania, venivano protese alla: localizzazione delle attività di produzione delle marche da bollo contraffatte. Proprio nel contesto di tali attività, il 20 luglio 2020, veniva individuato e disfatto un “centro di produzione clandestino”, allestito nella zona di Villa Literno (Caserta), dove il principale indagato realizzava, su supporti reperiti in Cina, le marche da bollo false; individuazione delle singole responsabilità degli indagati impiegati sia nella produzione, sia, soprattutto, nella distribuzione del prodotto contraffatto.

La necessità di strutturare un’articolata attività investigativa derivava essenzialmente dalla preoccupante diffusione del fenomeno criminoso, sempre più insidioso sia in relazione alle sofisticate tecniche di falsificazione, continuamente evolute al fine di soddisfare una crescente richiesta di “mercato”, sia in ragione dell’impiego delle marche in contesti amministrativi e giudiziari.

Emergeva, in particolare, che dalle originarie tecniche di falsificazione consistenti nel manuale accrescimento del valore nominale di marche genuine, i falsari erano passati ad altra più infida metodologia, consistente nell’apposizione della cosiddetta “stampa di personalizzazione” su supporti in bianco (riportanti solamente lo stemma della Repubblica, l’intestazione e gli elementi di sicurezza falsificati) importati dalla Cina, in laboratori dotati delle apparecchiature necessarie sia hardware sia software. – continua sotto –

Le investigazioni consentivano, inoltre, di delineare sei direttrici distributive, gestite da “intermediari” del falsario, i cui terminali venivano localizzati a Roma, Napoli, Caserta, Avellino e Salerno. Una volta realizzate e distribuite, le marche da bollo false venivano utilizzate da professionisti e da addetti ai comparii su atti giudiziari e amministrativi per i quali è prevista la corresponsione oneri destinati all’erario. In tale specifico contesto diffusivo, venivano delineate le responsabilità di: un parcheggiatore abusivo che, operando a Napoli nelle aree adiacenti alla Prefettura, all’Agenzia delle Entrate e all’Ispettorato Provinciale del Lavoro, gestiva la distribuzione delle marche false strumentali al perfezionamento dei procedimenti amministrativi trattati dai predetti uffici pubblici; un noto “distributore” che, sebbene ristretto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione di Napoli, di fatto alimentava un lucroso e continuativo smercio di marche false; un intermediario di Afragola che alimentava canali di distribuzione di valori di bollo falsi destinati ad un’autoscuola di Casoria e ad uno “smerciatore” orbitante sul litorale romano, al quale forniva anche patenti automobilistiche e nautiche false; titolari di un’agenzia immobiliare e di una tabaccheria di Roma.

Particolare rilevanza veniva attribuita ai canali di smercio direttamente alimentati dal falsario, costituiti da una coppia di avvocati esercitanti nel Foro casertano di Santa Maria Capua Vetere, colpiti dall’interdizione dall’attività forense per 12 mesi, che, a loro volta, le fornivano a un avvocato del Foro di Napoli Nord, colpito anch’egli dall’interdizione dall’attività forense per 6 mesi.

Nel corso delle indagini venivano conseguiti, i seguenti obiettivi culminati con: il disfacimento del principale centro di produzione, localizzato a Villa Literno, operato il 20 luglio 2020, con il contestuale sequestro di attrezzature tipografiche e informatiche necessarie alla falsificazione dei valori di bollo; l’arresto in flagranza di quattro soggetti responsabili di produzione e smercio di marche da bollo false; il sequestro di migliaia di marche da bollo false del valore complessivo di circa 200mila euro e decine di patenti false, quest’ultime destinate al litorale romano. – continua sotto –

L’esito delle attività d’indagini, conclusesi nel mese di giugno 2021, hanno dato luogo all’elaborazione di una richiesta di misure cautelari a carico dei principali indagati, riscontrate dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli Nord, il 23 febbraio scorso, con l’emissione dell’ordinanza cautelare. Eseguite anche perquisizioni a carico di due avvocati, uno di Nocera Inferiore, l’altro di Avellino, indagati ma non colpiti dal provvedimento, finalizzate ad ulteriori riscontri. IN ALTO IL VIDEO

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico