Cronaca

Truffe su compravendita autovetture nel Vicentino: 2 arresti, sequestri per 2,3 milioni

di Redazione

I militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Bassano del Grappa e del Nucleo investigativo del comando provinciale Carabinieri di Vicenza hanno congiuntamente dato esecuzione ad un’ordinanza di misure cautelari personali, emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale vicentino, a carico di tre indagati: uno finito in carcere, un altro ai domiciliari, l’altro sottoposto ad presentazione alla polizia giudiziaria. – continua sotto –

Il soggetto sopposto a custodia cautelare in carcere, non rintracciato al suo domicilio, si è costituito in serata ai carabinieri di Castelfranco Veneto. E’ stata, inoltre, data esecuzione, sui beni intestati o comunque nella disponibilità delle persone sottoposte ad indagine, al decreto di sequestro preventivo emesso dal gip per un ammontare complessivo di 2 milioni e 337.986,14 euro.

L’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Vicenza, ha preso avvio dalla consumazione, nel dicembre 2018, di molteplici truffe legate alla compravendita di autovetture poste in essere attraverso una concessionaria di Montecchio Maggiore. I potenziali acquirenti, dopo aver visionato i veicoli su internet ed aver effettuato dei giri di prova recandosi in concessionaria, consegnavano agli indagati – per contanti, assegni o attraverso bonifici bancari – somme ammontanti ad oltre 1 milione e 200mila euro a titolo di caparra o saldo, salvo poi scoprire, nel giorno concordato per il ritiro delle autovetture, che i gestori della concessionaria si erano dileguati e che nessun veicolo era più presente nel piazzale espositivo.

In questo contesto, è stata riconosciuta l’operatività di un’associazione per delinquere finalizzata alla truffa il cui promotore e capo è stato individuato nel soggetto sottoposto a custodia cautelare in carcere. I successivi approfondimenti investigativi hanno portato, da un lato, ad accertare condotte di riciclaggio e trasferimento fraudolento di valori, poiché le somme di denaro accreditate a titolo di caparra e/o saldo sui rapporti bancari della concessionaria erano state distratte a favore di conti esteri – talora utilizzati per l’acquisto di altre autovetture, mai pervenute tuttavia nella disponibilità della società – o comunque intestati a terze persone; dall’altro, dopo la declaratoria di fallimento dell’impresa su istanza della Procura, a ricostruire plurimi fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale per distrazione, documentale e per operazioni dolose. – continua sotto –

Ulteriori sviluppi d’indagine hanno poi riguardato altre società, sempre riconducibili ai tre soggetti. Le imprese in questione, strumentalmente interposte nella compravendita di autovetture di origine comunitaria, erano dedite all’emissione sistematica di fatture per operazioni inesistenti finalizzate a consentire l’evasione dell’Iva ai soggetti economici effettivi acquirenti delle autovetture. Il meccanismo fraudolento adoperato era quello del “falso consumatore finale”, attraverso il quale veniva fittiziamente fatta figurare, quale acquirente dei veicoli di provenienza comunitaria, una persona fisica che provvedeva a richiedere l’immatricolazione del mezzo alla motorizzazione, consentendo all’operatore economico reale acquirente, attraverso tale schermatura, di aggirare gli obblighi di versamento dell’imposta.

Sono state pertanto contestate le fattispecie di emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e di omesso versamento dell’Iva, in relazione alle quali è stato disposto il sequestro preventivo finalizzato alia confisca del profitto dei reati per un importo di circa 1 milione e 100mila euro. IN ALTO IL VIDEO

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico