Società

Ambito C6, mancati pagamenti assegni di cura per disabili: famiglie di Gricignano annunciano azioni legali

di Luigi Viglione

Gricignano (Caserta) – Nel pomeriggio di giovedì 30 dicembre, nell’aula consiliare di Gricignano, si sono raccolte le famiglie con persone disabili da accudire per manifestare contro il mancato pagamento di 6 mensilità degli assegni di cura. Motivo per il quale, oltre a protestare, hanno anche annunciato azioni legali. – continua sotto –

Ad esprimere il proprio dissenso in rappresentanza delle famiglie è stato il Garante per i disabili di Gricignano, Errico Della Gatta, che ai microfoni di Pupia ha raccontato l’incresciosa situazione che i cittadini appartenenti all’Ambito C6 (Aversa, Gricignano, Casaluce, Cesa, Carinaro, Orta di Atella, Succivo, Sant’Arpino, Teverola) stanno subendo. Della Gatta ha anche descritto i passaggi che ad oggi i cittadini hanno fatto per cercare di far rispettare il contratto stipulato con l’Asl (foto nella galleria in basso) e del muro di gomma, fatto di rimpalli e mortificazioni dovute ai numerosi scaricabarili degli enti ai quali si sono rivolti, col quale si sono scontrati.

“I problemi maggiori – afferma Della Gatta – si sono avuti con il comuna di Aversa, capofila dell’Ambito C6, che per problemi di varia natura non avrebbe assolto i propri compiti per garantire il pagamento del contributo pubblico spettante alle persone che hanno familiari con disabilità gravi e/o gravissime. E pertanto le famiglie hanno annunciato a breve azioni legali, prese dall’esasperazione per la mancanza di risultati nell’ottenimento di un loro diritto”.

A microfoni spenti, fiducioso che la situazione torni a normalizzarsi con l’arrivo del nuovo anno, Della Gatta ha anche auspicato una risoluzione della questione biodigestore. Perché l’inquinamento ambientale contribuisce all’insorgere di malattie e nascite di bambini con disabilità. Ed essendo la zona da questo punto di vista è già fortemente compromessa un altro impianto per il trattamento di rifiuti comporterebbe un ulteriore rischio per la salute pubblica. IN ALTO IL VIDEO, SOTTO LE IMMAGINI DELLA DOCUMENTAZIONE

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico