Politica

Gricignano, Lettieri: “Il Puc e quel terreno del sindaco (o suoi affini) in Zona Nato…”

di Antonio Taglialatela

Gricignano (Caserta) – “Gli amministratori comunali hanno grandi interessi sul Puc, in primis il sindaco. Se non lui, suoi affini”. L’accusa arriva da Vittorio Lettieri, capogruppo dell’opposizione, che in un video postato sui social (guarda in alto), parlando della recente adozione del piano urbanistico comunale da parte della giunta, fa riferimento ad una vicenda che, in realtà, era venuta a galla due anni fa in piena campagna elettorale che lo vide contrapposto proprio a Vincenzo Santagata per la carica di sindaco. – continua sotto – 

“Nel 2019, durante un confronto pubblico con Santagata, – spiega Lettieri – lanciai un sospetto forte su un terreno acquistato dal sindaco nelle adiacenze della base Us Navy, in Zona Nato. Ritenni che uno che acquista un terreno a pochi mesi dalle elezioni ha intenzione di trarne beneficio per inserirlo nel piano urbanistico. La risposta fu che quel terreno non fu acquistato dal sindaco, ma dalla sorella e intestato, parole sue, alla madre settantenne perché bracciante agricola. A parte la gravità della dichiarazione, mi fu detto che mai e poi mai quel terreno sarebbe stato inserito nel Puc perché sarebbe dovuto passare al vaglio della giunta. Ebbene, – sottolinea il leader dell’opposizione – oggi, nel 2021, quel terreno è entrato nel Puc di recente adottato dalla giunta. Ecco, questi sono gli interessi che ho sempre contestato quando rassegnai le dimissioni nella prima amministrazione Santagata del 2018 e che oggi trovano riscontri nei fatti”. – continua sotto – 

Continuando a parlare del Puc, e ritenendo “fondamentale la tutela dei piccoli proprietari terrieri che da anni attendono lo strumento urbanistico, Lettieri dice di aver “notato il particolare che nelle zone periferiche sono state designate edificabili delle zone tutte di proprietà di facoltosi imprenditori non gricignanesi che hanno la possibilità di realizzare investimenti. Tale cubatura che viene ceduta a questi imprenditori e viene quindi sottratta a gricignanesi che hanno terreni all’interno del centro abitato”. – continua sotto – 

Il capogruppo di ‘Gricignano al Centro’ ritiene poi “assurdo quanto riferito dal sindaco dopo l’adozione del Puc in giunta, cioè quando lui dice di sapere che lo strumento urbanistico non è perfetto, invitando tutti a fare delle osservazioni”. “E questo il risultato dopo due anni di lavoro?”, si chiede Lettieri, secondo cui, tra l’altro, il piano adottato non rispetterebbe il Ptcp, il piano territoriale di coordinamento provinciale, paventando “il rischio che non venga avallato dalla Regione e, dunque, che qualche terreno venga stralciato dal piano urbanistico”. “In tal caso – conclude – la responsabilità sarà solo ed esclusivamente degli attuali amministratori e non della Regione, come probabilmente tenteranno di far credere”. IN ALTO IL VIDEO

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico