Napoli

Napoli, la piccola Noemi inaugura murale dove fu ferita durante sparatoria

Inaugurato a Napoli, in piazza Nazionale,  un murale realizzato per la piccola Noemi, la bimba che il 3 maggio 2019 fu ferita casualmente in una sparatoria proprio in quella piazza. L’opera, con gli occhi della piccola, è stata realizzata dagli artisti Giulia Salamone Noeyes e Vittorio Valiante, con il coordinamento di InwardOsservatorio Nazionale sulla Creatività Urbana. Presente all’inaugurazione anche Noemi, 6 anni, che ha firmato il murale, insieme alla mamma Tania Esposito. La piccola, che all’epoca dei fatti aveva 4 anni, fu colpita per errore; l’obiettivo era Salvatore Nurcaro, 32 anni, ritenuto in passato vicino al clan camorristico dei Reale. Per l’agguato sono stati condannati i fratelli Armando ed Antonio Del Re. – continua sotto – 

All’iniziativa ha partecipato il presidente della commissione nazionale Antimafia, Nicola Morra, che prima dell’evento aveva scritto su Facebook: “A Napoli, in Piazza Nazionale, si svolgerà un evento per me assai importante. L’iniziativa, cui parteciperò con emozioni che mi torneranno nella memoria e nel cuore, consisterà nell’inaugurazione di un murales dedicato a Noemi Staiano, la bambina ferita casualmente in una sparatoria in quella stessa piazza il 3 maggio 2019, e sarà, quel murales, il primo passo di un progetto più ampio di riqualificazione di Piazza Nazionale”. “Quando ho visitato la piccola Noemi in ospedale a Napoli era in pericolo di vita, ed ho conosciuto due persone stupende, i suoi genitori, Fabio e Tania. Ho imparato tanto da loro, – ha aggiunto Morra – ed ho capito anche grazie a quella loro straordinaria maturità quanto sia grande il debito che i fortunati hanno nei confronti di chi si trova a vivere nel degrado e nell’abbandono, nella marginalità e nella dimenticanza. E Napoli, come fatti recentissimi avvenuti a Ponticelli dimostrano, è a credito di attenzione e di azioni ‘democratiche’ da parte dello Stato repubblicano. Perché famiglie come quella di Fabio e Tania non abbiano a rivivere il terrore di quei giorni, la fatica degli anni successivi, perché il Calvario di Noemi e di tutti i suoi familiari ancora non si è concluso”. – continua sotto – 

Sono intervenuti anche il prefetto di Napoli, Marco Valentini, l’arcivescovo di Napoli, Mimmo Battaglia, l’assessore Alessandra Clemente, don Tonino Palmese, presidente della Fondazione Polis. “Ritornare qui con Noemi non è stato facile, perché qui ho rischiato di perdere mia figlia. Ma oggi – racconta ai presenti Tania Esposito, la mamma di Noemi, – è un anche un grande riscatto per la mia famiglia, perché nonostante Noemi riporti ancora i danni di quella sparatoria, siamo qui con lei per poterlo raccontare. Una crudeltà di cui non possiamo dimenticarci, la camorra vive di odio e vendetta. Noi rispondiamo con dignità, chiediamo giustizia e mai vendetta, e stiamo cercando di dare un buon esempio alla nostra città. Gridiamo oggi, in modo pacifico, che questa piazza è nostra, è dei bambini, nessuno, né tantomeno la camorra, può toglierci questo diritto”. Per il prefetto di Napoli “questo murale che è stato dipinto in un luogo che due anni fa fu oggetto di un atto criminale aberrante è diverso rispetto a quelli che stiamo cancellando in giro per la città che rappresentano tutt’altro”. “Per me è importante essere qui per dare un ulteriore segnale di presenza e vicinanza. Io ho guardato questi occhi che sono quelli di Noemi ed ha sempre più valore nella misura in cui riusciamo a specchiarci in quegli occhi, la sua voglia di trasparenza e voglia di vivere”, ha dichiarato l’arcivescovo Battaglia.

Lamorgese: “Murale per Noemi simbolo di comunità che rifiuta violenza” – “E’ una giornata importante per la città di Napoli. Piazza Nazionale, teatro due anni fa di un aberrante fatto criminale, è la testimonianza concreta di una comunità che crede nella civile convivenza e nel rifiuto di ogni forma di violenza. Gli occhi della piccola Noemi, dipinti al centro della piazza, restituiranno un volto di fiducia e di speranza a quei luoghi, segnati dalla memoria di un evento drammatico, ricordando in modo fortemente evocativo il diritto tutti i bambini di vivere serenamente in una città senza mafie”. Così in una nota il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, in occasione della cerimonia di inaugurazione del murale. IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico