Politica

Pd e M5S blindano Conte. Salvini: “O governo di centrodestra o voto”

di Redazione

Secondo giorno di consultazioni al Quirinale per la formazione di un nuovo Governo: dopo aver sentito ieri i presidenti delle camere, oggi per Mattarella la mattinata si è aperta con le consultazioni con il Gruppo per le Autonomie, poi è toccato al Misto. LeU e Maie hanno confermato il totale sostegno a un eventuale Conte-ter. Alle 17 tocca al partito di Matteo Renzi salire al Colle mentre alle 18:30 al Pd. Domani sarà la volta di M5s, Lega, Fi e Fdi.

Pd e M5S blindano Conte. In mattinata c’è stata una riunione di un gruppo una ventina deputati pentastellati “proveniente trasversalmente da tutta la penisola”, secondo fonti vicine al movimento. E al tavolo è stato sottolineato un concetto: “senza Conte non sarà votata la fiducia a un altro premier”, ma è stata anche rimarcata la necessità di aprire al rientro in maggioranza di Italia Viva.

Salvini torna a invocare un esecutivo di centrodestra o le urne: “Ci vuole serietà, non vado al governo a tutti i costi: la parola va data agli italiani: l’unica alternativa è un governo di centrodestra oppure si deve andare al voto”. E il leader della Lega dice no ad un Governo con dentro anche Matteo Renzi e sottolinea: “Spero che finisca quanto prima questo teatrino della compravendita dei senatori e dei litigi tra Conte e Renzi. Da settimane c’è un governo fermi, litigioso, incapace. Non si può andare avanti così”. “Confidiamo nel presidente Mattarella, che penso non tolleri ancora a lungo questa caccia ai ‘viandanti’, stanno cercando dei profughi, non dei responsabili. L’Italia non merita questo: o c’è un governo che ha i numeri per governare, o la parola, in democrazia, spetta agli italiani, al voto”.

Intanto, Luigi Vitali, senatore che aveva annunciato l’addio a Forza Italia per aderire al neo costituito gruppo degli Europeisti, ha fatto retromarcia e resterà nel suo gruppo. “L’impulso – spiega Vitali – mi ha fatto dire a Conte che lo avrei aiutato, ma quando sono uscito da palazzo Chigi ed è uscita l’agenzia, mi ha chiamato Berlusconi, e mi ha detto: ‘Non posso credere che tu abbia fatto una cosa del genere’, mi ha ricordato la mia storia, le battaglie fatte. Io gli ho spiegato che non voglio le elezioni anticipate e lui mi ha rassicurato dicendomi di essere stato il primo a dare la disponibilità per un governo di larghe intese”. “Poi – prosegue – mi ha chiamato anche Salvini che mi ha detto che è disposto a parlare con chiunque purché si facciano la riforma del fisco e quella della Giustizia”. Vitali racconta, inoltre, di aver maturato il suo ripensamento alle 4 di notte dopo aver passato la serata fino alle tre con alcuni colleghi parlamentari che assicura non sono di maggioranza.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico