Cronaca

Medico campano ucciso a Milano: ipotesi rapina sempre più improbabile

di Redazione

L’ipotesi di rapina finita male lascia sempre più spazio all’ipotesi che l’omicidio sia stato commesso per una ragione ben precisa. E gli inquirenti per questo stanno scandagliando la vita di Stefano Ansaldi, ginecologo specializzato in fecondazione assistita, originario di Benevento e titolare di uno studio medico a Napoli, ucciso con una coltellata alla gola nel tardo pomeriggio di sabato scorso in via Macchi, zona semicentrale di Milano poco lontano dalla Stazione Centrale. Un delitto avvolto dal mistero. – continua sotto – 

L’inchiesta, condotta dai carabinieri e diretta dal pm Adriano Scudieri, dovrà innanzitutto chiarire perché il 65enne era a Milano. L’ipotesi originaria, quella di una rapina finita in tragedia e collegata a un altro colpo compiuto nella stessa zona da due nordafricani a danno di un anziano, perde sempre più quota ed è ritenuta poco credibile dagli inquirenti. Il cadavere è stato ritrovato in un lago di sangue in un’area buia, sotto un ponteggio per la ristrutturazione della facciata di un condominio della zona. Accanto al corpo c’erano il rolex, portafogli e la valigetta della vittima che, al momento di essere sgozzato, indossava guanti in lattice. E’ stato anche ritrovato un coltello da cucina che potrebbe essere stato utilizzato per l’omicidio. – continua sotto – 

Nessuna traccia, invece, del cellulare del ginecologo dove potrebbero trovarsi le prime risposte su un giallo dai contorni ancora poco chiari. Il primo nodo sciogliere, per gli inquirenti, è capire perché Ansaldi si trovasse nel capoluogo lombardo. E da lì individuare il movente del delitto. La vittima in tasca aveva un biglietto del treno di sola andata da Napoli a Milano ma non quello di ritorno. Nella valigetta c’erano soltanto biscotti. Forse il 65enne aveva un appuntamento legato a questioni di affari e probabilmente a ucciderlo è stato qualcuno che lui conosceva. Oppure potrebbe essersi trattato di un omicidio compiuto da balordi. Solo ipotesi, per ora, che gli inquirenti dovranno verificare scandagliando il passato del ginecologo.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico