Società

Arcuri a convention Alis: “Ricostruzione? Servono tre cose piccole ma immediate”

di Redazione

“Per mettere in moto la macchina produttiva servono tre cose, piccole ma immediate”. Lo ha detto Domenico Arcuri, commissario governativo sul Covid e amministratore delegato di Invitalia partecipando alla Convention di Alis. “Deve finire il tempo in cui un imprenditore o un cittadino deve spiegare allo Stato perché vuole fare una cosa e deve invece tornare il tempo in cui deve essere lo Stato a spiegare al cittadino perché non deve, e se lo Stato non lo spiega il cittadino è libero di agire”, è il primo dei tre punti indicati da Arcuri.

“Poi deve essere finito il tempo della stratificazione insopportabile di soggetti qualche volta autoreferenziali che devono controllare prima le cose non ancora successe e non condannare, semmai, dopo le cose fatte male; se nel mio ruolo commissariale avessi dovuto subordinare le decisioni urgenti alla consueta sfilza di soggetti che a legislazione vigente avrebbero dovuto autorizzarmi per mandare un aereo a Pechino o a Dusseldorf e portare in una notte 50 milioni di mascherine in Italia, saremmo già tutti morti. Terzo punto – prosegue Arcuri, dal palco della due giorni sorrentina dell’Alis – Non capisco perché se un imprenditore fa una cosa sbagliata non possa essere condannato e si consideri meglio impedirgli di provare a farla, per la possibilità teorica che forse la farà male”. “Personalmente, ho chiesto e ottenuto dal governo gli investimenti nei presidi ospedalieri post-Covid necessari per lasciare in eredità alla sanità pubblica una forza che non aveva all’inizio dell’emergenza”, ha aggiunto Arcuri. IN ALTO IL VIDEO

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico