Campania

Campania, Salvini: “Camorra fa miliardi grazie a incapacità De Luca”. Zinzi e Nappi nella Lega

L’ex governatore indicato da Forza Italia come candidato alla presidenza della Regione Campania, Stefano Caldoro, è “una brava persona, ma i campani che scelgono Lega chiedono il cambiamento. Lo dice Matteo Salvini in una conferenza stampa a Napoli dove ha ufficializzato il passaggio nel suo partito del consigliere regionale Gianpiero Zinzi (“Per la prima volta la Lega è rappresentata nel Consiglio Regionale della Campania”, ha detto l’ex ministro) e dell’ex assessore regionale Severino Nappi.

L’obiettivo, sottolinea il segretario del Carroccio, è vincere le prossime regionali. A tal proposito, cita i sondaggi: “Credo poco ai sondaggi ma dicono che la Lega è il primo partito in Campania. Secondo i sondaggi di un istituto che non lavora per noi, in Campania la Lega è al 15 per cento, primo partito, Forza Italia al 14 e Fdi al 12, siamo intorno al 40 per cento”. E sulla scelta dei candidati: “Mi rifarò alle indicazioni del territorio”.  Poi l’attacco al governatore Vincenzo De Luca: “La camorra fa i miliardi sui rifiuti grazie all’incapacità di De Luca”. “Dobbiamo marcare la differenza rispetto a De Luca – ha aggiunto il leader della Lega – che ha speso il 20 per cento dei fondi Ue, mentre in Campania la criminalità organizzata continua a fare affari d’oro sui rifiuti. Altrove, i rifiuti producono energia e ricchezza, qui in ingrassano la camorra. Ovunque i rifiuti diventano valore e ricchezza, tranne che in Campania, forse perché qualcuno ha convenienza che restino un problema”. E lancia la sfida: “Un confronto con il governatore De Luca, su temi come i rifiuti e non sul colore della mia montatura, lo accetto anche domani mattina”. “De Luca? Con Mastella, De Mita e Pomicino fanno i fantastici 4. Glieli lascio volentieri”, ha sottolineato ironicamente.

Sull’ipotesi che la Lega e il Movimento 5 Stelle corrano insieme alle regionali, risponde: “Assolutamente no. Non mi stupirebbe se invece fosse De Luca a portarsi indietro anche Di Maio“. Mentre sulla candidatura a presidente della Regione, smentita dal diretto interessato, del magistrato Catello Maresca, Salvini commenta: “Mi piace molto quello che dice e fa Catello Maresca, anche se questo non vuol dire che sia il candidato della Lega e del centrodestra”. “Non vorrei danneggiarlo, lo stimo come uomo di giustizia che a differenza di altri – aggiunge il leader della Lega – non mi pare sia stato intercettato”. Salvini ricorda che in Campania “ci sono tanti imprenditori, società di armatori, produttori del tessile, innovatori e uomini di giustizia. Conto che si metta a disposizione del cambiamento il meglio della società civile”.

Salvini poi ha aspramente criticato le ipotesi del ministro Azzolina sul ritorno a scuola: “Chiudere i bimbi nel plexiglass in classe è una cazzata che solo un ministro incompetente poteva pensare. I deputati della Lega sono da due giorni in aula a combattere questo decreto e in aula non ci sono Conte e il ministro dell’istruzione”. L’ex ministro è scettico sulla possibilità di collaborare con il Governo: “Abbiamo dato la nostra disponibilità a collaborare a febbraio, e non ci hanno risposto. Ora che sono in difficoltà, ce lo chiedono. Comunque, ci sono due nostre proposte, il ‘modello Genova’ sulla semplificazione della burocrazia, e la flat tax. Se vogliono collaborare davvero, ci dicano si o no”. E sui rapporti, tesi, con Berlusconi: “A volte non lo capisco. L’ho sentito dire sì al Mes, il fatto che usi la stessa lingua di Renzi e Prodi mi lascia dei dubbi. Ho letto di disponibilità ad altri governi. Per la Lega prima questo governo va a casa e gli italiani si esprimono, meglio è. Sull’ipotesi di un governo Draghi, risponde: “Per noi, dopo Conte, ci sono solo le elezioni”. IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico