Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Marcianise, omicidio amante marito: in carcere la moglie del boss Belforte

Nella mattinata del 14 maggio, gli agenti della Squadra mobile di Casertano hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, nei confronti di Maria Buttone, moglie di Domenico Belforte, storico boss dell’omonimo clan camorristico di Marcianise.

Il provvedimento è stato emesso all’esito del deposito delle motivazioni con le quali il 19 dicembre 2019, con sentenza emessa al termine di rito abbreviato, il giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Napoli ha condannato Domenico Belforte e la moglie Maria Buttone, rispettivamente a 30 anni di reclusione e all’ergastolo, più pene accessorie, in quanto giudicati responsabili dell’omicidio di Angela Gentile, consumato nell’ottobre del 1991. La Buttone è stata condannata altresì per il delitto di associazione a delinquere di stampo mafioso poiché riconosciuta quale effettiva “reggente” del clan Belforte di Marcianise, almeno dall’aprile 2016 all’agosto 2017.

Gli elementi probatori alla base dell’emissione della sentenza, confermati nella misura cautelare eseguita, sono stati acquisiti nell’ambito di una lunga e complessa indagine che, sviluppata dalla Squadra Mobile della Questura di Caserta, con il coordinamento dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, ha permesso di far luce sulla sparizione di Angela Gentile, verificatasi nel 1991, oltre che sulle più recenti dinamiche afferenti alla gestione del clan dei cosiddetti “Mazzacane”, le cui redini sono rimaste per lungo tempo nelle mani della “first lady” criminale di Marcianise. Le numerose acquisizioni probatorie raccolte, frutto di innumerevoli attività tecniche di intercettazione, telefonica e ambientale, ma anche di investigazioni “tradizionali” ed escussioni di collaboratori di giustizia, hanno infatti permesso di ricostruire gli eventi criminali, così da qualificare la sparizione della Gentile una “lupara bianca” e da delinearne gli oscuri quanto raccapriccianti contorni.

Angela Gentile, infatti, come emerso dalle indagini, era stata per lungo tempo una “fiamma” di Domenico Belforte. Da lui, nel 1978, aveva avuto anche una figlia. Il ras, tuttavia, non aveva mai “ufficializzato” quella nascita, al punto da non riconoscere la neonata. Nel 1991, quando ormai la ragazza aveva 13 anni, il Belforte si era riavvicinato alla Gentile al punto da offrirle anche alcuni contributi di ordine economico ma scatenando, al contempo, le ire della Buttone. Questa, perciò, pose l’uomo di fronte a un aut aut: o lo avrebbe lasciato, portando con sé i loro figli, oppure lui avrebbe dovuto assassinare quella donna e occultarne il cadavere; in cambio, avrebbe accettato di crescerne la figlia presso la loro casa. Il tragico epilogo della vicenda segnò la scelta del ras il quale, consumato il delitto, occultò il cadavere della Gentile in un sito ancora oggi ignoto. Allo stesso tempo, la Buttone tenne fede al patto, accogliendo la bambina presso casa “Belforte”.

In ordine alle vesti di “ras” dei Mazzacane, assunte dalla Buttone, le indagini hanno dimostrato come la donna abbia continuato a gestire il clan in nome e per conto del marito Domenico, con massimo potere decisionale. I personaggi emersi, infatti, tutti legati tra loro dal vincolo familiare, hanno continuato a ruotare attorno alla Buttone, coltivando le attività estorsive, in particolare quelle limitate ad una platea di storici contribuenti che, fino al tempo di svolgimento dell’indagine, hanno ancora perorato il culto del “clan Belforte”, versando danaro alla famiglia del boss. Maria Buttone è stata associata condotta nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

blank
Condividi con un amico