Caserta Prov.

Coronavirus, aumentano contagi nel Casertano: due i morti

Aumentano i contagi da coronavirus Covid-19 in provincia di Caserta, che registra anche i primi due morti in Campania: un 47enne di Mondragone, già affetto da gravi patologie, e una 80enne di San Prisco. Ai 18 casi accertati a questa mattina – tra cui rientrano i due deceduti – se ne sono aggiunti due a Santa Maria Capua Vetere che, con il piccolo centro di Bellona, fa registrare il maggior numero di casi, pari a 5. Il contagio coinvolge due nuclei familiari, in particolare quello di un medico 70enne, primo positivo al Coronavirus, e della moglie, e di un altro anziano di 70 anni, cui proprio oggi si sono aggiunti la moglie e il figlio; quest’ultimo è asintomatico mentre la donna è stata condotta all’ospedale Cotugno.

Tra i casi dei due settantenni, primi contagiati a Santa Maria Capua Vetere, non è ancora stato stabilito un legame; i due vivono nella stessa strada ma sembra che non si conoscessero. È stato invece accertato il legame tra il medico 70enne e la donna di 80 anni di San Prisco morta ieri mattina all’ospedale di Caserta; il medico lavora infatti presso la clinica di riabilitazione di Castel Morrone dove era ricoverata la donna deceduta.

Si registra anche il primo caso a Parete che riguarda una donna che vive da sola e che non avrebbe avuto contatti negli ultimi tempi con altre persone, escluso un familiare in stato di sorveglianza sanitaria attiva. Altri 2 casi si sono registrati a Mondragone (tra cui il 47enne deceduto e risultato positivo al tampone post mortem), 2 a Caserta, 2 Sant’Arpino, uno a Casal di Principe, uno a Cesa. A questi vanno aggiunti un anziano napoletano, ricoverato dal 2 marzo all’ospedale casertano di Marcianise e risultato positivo al test, ed una dipendente, di Torre Annunziata (Napoli), di un’azienda della zona industriale di Carinaro, nell’agro aversano della provincia di Caserta.

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico