Italia

Open Arms, Spagna offre un porto ai migranti. Salvini: “Emergenza sanitaria immaginaria”

E’ giunta arrivata al 17esimo giorno l’odissea dei 107 migranti che ancora si trovano a bordo della Open Arms, la nave della Ong spagnola ferma al largo di Lampedusa. Ma la vicenda potrebbe arrivare a una svolta, con la Spagna che ha offerto il porto di Algeciras come approdo per la nave. Intanto la Ong su Twitter attacca: “Miserabile è chi utilizza 107 esseri umani ‘senza nome’ e dei volontari come ostaggi per fare propaganda xenofoba e razzista. Complici, tutti quelli che lo permettono e si prendono gioco del loro dolore”.

Immediata la risposta del ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Da 17 giorni, invece di andare in un porto spagnolo, questi ‘signori’ tengono in ostaggio gli immigrati a bordo (fra cui finti malati e finti minorenni) solo per attaccare e provocare me e l’Italia. Non mi fate paura, mi fate pena. Io non mollo”. E poi, commentando l’esito dell’ispezione effettuata ieri sulla nave e dalla quale, si apprende, non sono emerse criticità igienico-sanitarie, il leader della Lega ha rincarato: “Malati immaginari, minorenni immaginari, adesso emergenze sanitarie immaginarie… La ong Open Arms e i suoi complici stanno raggiungendo il massimo del ridicolo, gli italiani sono buoni ma non fessi”.)

Spagna: “Inconcepibile risposta di Salvini” – La decisione del premier Pedro Sanchez di accogliere l’Open Arms in Andalusia, riporta El Pais, è stata diffusa da un comunicato della presidenza spagnola: “L’inconcepibile risposta delle autorità italiane, e in particolare del suo ministro dell’Interno, Matteo Salvini, di chiudere tutti i suoi porti e le difficoltà esposte da altri Paesi del Mediterraneo centrale, hanno portato la Spagna a guidare nuovamente la risposta alla crisi umanitaria”.

Da ispezione non è emersa emergenza sanitaria – Dalla valutazione di quanto emerso dall’ispezione effettuata ieri sulla Open Arms, secondo quanto si apprende, non sarebbero emerse criticità igienico-sanitarie tali da far scattare l’emergenza. I migranti, tuttavia, sono ammassati sul ponte dell’imbarcazione, dormono per terra senza alcun materassino, si coprono con lenzuoli e tovaglie, e secondo la Ong sono psicologicamente stremati. Secondo la relazione dei medici del Cismo ci sarebbero anche alcuni casi di scabbia, ma non ci sono al momento conferme istituzionali al riguardo.

Spagna: “Su Open Arms posizione Italia incomprensibile” – In mattinata la Spagna, oltre a offrire il porto di Algeciras, ha definito “incomprensibile” la posizione dell’Italia. “Stiamo vedendo cosa fanno la destra e l’estrema destra in Europa e le prospettive sono sempre più preoccupanti”, ha detto la vicepremier del governo ad interim di Madrid, Carmen Calvo, invitando tutti i Paesi e le istituzioni europee ad “adempiere ai propri obblighi”. La vicepremier, riporta El Pais, ha poi sottolineato che “quelli spagnoli sono porti aperti”, ricordando che Salvamento Maritimo (l’organizzazione di soccorso e sicurezza marittima spagnola) “salva vite ogni giorno” nello Stretto di Gibilterra. “La Spagna adempie ai suoi obblighi, ai sensi delle leggi internazionali, dei regolamenti comunitari e della legislazione spagnola in materia di aiuti umanitari e sicurezza delle frontiere”, ha ribadito Calvo.

I minori sbarcati sono in buone condizioni – Sabato la situazione si è parzialmente sbloccata, con Salvini che ha autorizzato lo sbarco dei minori non accompagnati su richiesta del premier Giuseppe Conte, pur sottolineando il suo disaccordo. Nel pomeriggio 27 persone sono state quindi trasbordate su due motovedette della Guardia costiera e della Guardia di finanza di Lampedusa, portate a terra e trasferite all’hotspot dell’isola. Otto di loro però, ha fatto sapere il Viminale, si sono poi dichiarate maggiorenni. Tra i minori, il più piccolo del gruppo avrebbe 14 anni, gli altri tra i 16 e i 17 anni. Secondo il responsabile del poliambulatorio dell’isola, Francesco Cascio, le loro condizioni sono buone: “All’arrivo in banchina sono stati visitati dallo staff medico e non avendo alcuna patologia sono stati condotti direttamente nel centro in contrada Imbriacola”.

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico