Economia

Come uscire dalla crisi economica: l’ex governatore di Bankitalia Antonio Fazio a Castel Volturno

di Redazione

Si è tenuto mercoledì 12 settembre, nel gremito auditorium della Chiesa di Santa Maria del Mare a Castel Volturno, il convegno dal titolo “Il tempo del coraggio”. All’incontro, organizzato dal consigliere Comunale Cesare Diana, dall’architetto Carmine Spiaggia e dai Cristiano Popolari di Costruire Insieme, sono intervenuti: l’ex Governatore della Banca d’Italia, Antonio Fazio; il senatore Ivo Tarolli; l’ex segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni; l’ex Presidente Coldiretti, Sergio Marini; l’Arcivescovo della Diocesi di Capua, Salvatore Visco, e il parroco della Chiesa di Santa Maria del Mare, Don Antonio Palazzo. Gli ospiti hanno presentato le loro proposte ai gravi e complicati problemi che attanagliano il Paese.

In particolare, Antonio Fazio, durante una vera e propria lectio magistralis, ha lanciato la sua ricetta per risolvere la crisi economica. L’ex governatore ha dichiarato: “Sono varie le difficoltà da affrontare per l’euro: la prima da superare è quella di aver fissato lo stesso tasso di cambio a Paesi con una struttura produttiva profondamente diversa fra loro. Il risultato è che abbiamo un euro che è un marco sottovalutato e genera, per la Germania, un surplus enorme che pone in deflazione gli altri Paesi dell’area euro. Bisogna, quindi, impiegare quell’enorme surplus in investimenti reali e infrastrutturali (vedi il piano Delors), amministrare meglio la moneta e nel caso dell’Italia bisogna intervenire relativamente alle nostre criticità, dunque arrivare anche da noi ad un concetto di tasso minimo e/o costo minimo del lavoro fissato per legge con una contrattazione che al di sopra dello stesso, regolando i salari in funzione della produttività dell’azienda e della Regione e/o macro area nelle quali si opera, fissi il costo del lavoro”.

“Ma per realizzare queste straordinarie riforme – ha chiosato Tarolli – i Cristiano Popolari devono far sentire la loro voce, realizzando quell’Unità possibile che rimedi alla frammentazione oggi imperante in quest’area politico culturale”.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico