Cronaca

Reggio Emilia, disabile insultato al parcheggio con biglietti offensivi

di Redazione

Bigliettini scritti a mano con cui il mittente credeva di segnalare un abuso, che, invece, non c’era. “L’auto è ancora qui”, ha scritto, infatti, nel secondo messaggio. Una comunicazione carica di odio che ha distrutto psicologicamente l’invalido. Il disabile era appena tornato da Bologna – dove aveva un appuntamento di lavoro – accompagnato da alcuni colleghi.

“Ma dove avrebbe dovuto parcheggiare mio figlio? – ha dichiarato la mamma dell’uomo al Resto del Carlino – Il tempo massimo dei 20 minuti era sui cartelli della sosta normale, per le auto dei normodotati, ma non su quello dell’area riservata alla sosta per i disabili. Già mio figlio deve convivere con i suoi problemi di salute e di mobilità. Già ci si trova troppo spesso a combattere contro coloro che usano in modo improprio gli spazi che sarebbero destinati ad altri. E ritrovarsi presi in giro e offesi non è assolutamente giusto”.

Il disabile e la madre hanno deciso di rivolgersi alle autorità: “Denunciamo ai carabinieri quanto successo, per il reato di calunnia – ha concluso la donna – Non si trattano così le persone. Mio figlio non è un normodotato che ha usato in modo irregolare degli spazi destinati ai disabili. Ha usufruito di uno spazio che gli spetta per legge”.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico