Società

Omicidio Dalla Chiesa, un’ala del Commissariato di Santa Maria CV intitolata all’agente scelto Russo

di Redazione

Si è svolta venerdì mattina, 15 settembre, la cerimonia fortemente voluta dalla Polizia di Stato di Caserta in ricordo dell’Agente Scelto Domenico Russo, operatore di scorta del Prefetto Dalla Chiesa, vittima del tragico attentato mafioso consumato a Palermo il 3 settembre 1982.

L’Agente Scelto Domenico Russo, Medaglia d’Oro al Valor Civile, rimase vittima della strage di via Carini, in cui vennero barbaramente assassinati per mano mafiosa il Prefetto di Palermo Carlo Alberto Dalla Chiesa e la moglie Emanuela Setti Carraro.

Egli, agente di scorta del Prefetto Dalla Chiesa, morì per le gravissime ferite riportate dopo dodici giorni di coma, il 15 settembre 1982, presso l’ospedale di Palermo.

Nel trentacinquesimo anniversario dal tragico evento, la Polizia di Stato e l’Associazione Nazionale Polizia di Stato hanno intitolato, in memoria del suo eroico sacrificio, un’ala del Commissariato di Santa Maria Capua Vetere, sua terra di origine.

La solenne cerimonia si è svolta alla presenza dei familiari e delle Autorità civili, militari e religiose del territorio. In un commosso discorso rivolto ai familiari e ai tanti operatori delle Forze di Polizia intervenuti, il Questore di Caserta Antonio Borrelli e il Prefetto di Caserta Raffaele Ruberto hanno rivolto un sentito ringraziamento alla moglie ed ai due figli dell’Agente Scelto Russo nonché ai tanti congiunti presenti, evidenziando la profonda riconoscenza della Polizia di Stato e delle Istituzioni.

IN ALTO UNA GALLERIA FOTOGRAFICA (attendere caricamento…)

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico