Sant’Arpino

Comizio in piazza, Romano (Ad): “Istituiamo il meteorologo/astrologo comunale!”

Sant’Arpino – Sulla polemica del comizio in piazza Umberto I, del giorno 21 febbraio, che sarebbe stato conteso tra “Speranza e Futuro” e “Alleanza Democratica”, interviene Nicola Romano, del gruppo “Alleanza Democratica”.

“Sono rimasto sgomento – dichiara Romano – nel leggere le dichiarazioni del signor Stefano Cicala, il quale accusa il gruppo di ‘Alleanza Democratica’ di voler ostacolare a tutti i costi lo svolgimento del comizio di ‘Speranza e Futuro’ per il giorno 21 febbraio. Tali accuse sono mosse dal fatto che il 15 febbraio, alle ore 8.48, ho protocollato personalmente la richiesta per l’uso della Piazza Umberto I, per un pubblico comizio. Il gesto è stato visto, da tale componente, come un atto pretestuoso per impedire un legittimo diritto.

E nello stesso articolo si evidenzia che a causa della pioggia e del consequenziale rinvio del loro comizio ‘tutti sapessero del rinvio alla domenica successiva’”.

A questo punto Romano rivolge a Cicala tre domande: “In che modo è stato comunicato a tutta la cittadinanza (e dico tutta, perché io non ne ero a conoscenza), che il comizio si sarebbe svolto il giorno 21 febbraio 2016?; Siccome eravate così sicuri di poter svolgere il comizio il giorno 21 febbraio 2016, ciò significa che la richiesta per l’uso della piazza era stata già protocollata antecedentemente? (perché se è così, nel vostro diritto, siamo disponibili a fare un passo indietro e a cedervi la piazza); Oppure la piazza deve essere “vostra” per diritto divino?”.

Vorrei far notare a Cicala – continua Romano – che il giorno 14 febbraio avremmo dovuto svolgere il nostro convegno sul Puc ma, visto che la correttezza è una qualità che ci contraddistingue, abbiamo deciso di spostare la data al 21 febbraio, per non far coincidere i due eventi. A questo punto, per evitare future incomprensioni, e per far sì che si possa esercitare democraticamente il diritto di manifestare senza essere tacciati di essere ‘sabotatori del libero pensiero’, proporremo di istituire la figura del ‘meteorologo/astrologo comunale’, il quale, con le proprie conoscenze, potrà sia prevedere imminenti cambiamenti climatici e consigliarci se le congiunzioni astrali sono favorevoli allo svolgimento di tali manifestazioni, così da evitare spiacevoli equivoci”.

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico