Aversa

Aversa, Della Valle: “Le fioriere mobili ebbero un’utilità, peccato non siano state recuperate”

Aversa – A proposito delle strutture mobili inutilizzate, oramai distrutte, poste ai due lati di via Corcioni, dei pilomat e delle fioriere mobili installate in via Roma coperti di asfalto e rimossi (i primi, rimasti fuori uso le seconde trasformandosi in simbolo di spreco di denaro pubblico e d’inefficienza), di cui abbiamo parlato ieri (leggi qui), arriva la precisazione dell’ex assessore Gino Della Valle che, quand’era delegato alla Polizia municipale e Viabilità, si interessò della installazione di fioriere mobili e pilomat.

“L’esigenza di installare le fioriere mobili a via Corcioni – ricorda Della Valle – non era legata al progetto Ztl ma nacque all’improvviso con il fenomeno della movida che all’epoca (si parla degli anni 2006-2009, ndr.) esplose per la prima volta in città e che investì solo via Corcioni”. “Dopo una riunione in comune con l’allora sindaco Ciaramella, il comandante della Pm e tutti i rappresentanti delle forze di polizia, l’Amministrazione decise di far installare questi presidi, già sperimentati in via Roma, anche a via Corcioni”.

“Quelle fioriere – continua Della Valle – costarono poco più di 3mila euro ognuna e diedero per un estate il loro contributo nel lenire i disagi dei residenti e facilitare il compito della Pm e delle altre forze dell’ordine che stentavano ad arginare l’enorme traffico veicolare di giovani che affollavano la strada nei fine settimana”. “L’anno successivo – prosegue l’ex delegato – come spesso accade, la movida si spostò perché aprirono due nuovi bar in zona Parco Argo. Così niente più movida, niente più traffico sabato e domenica in via Corcioni e quindi le fioriere non furono più utilizzate”.

Circa quelle presenti in via Roma ed i pilomat installati per la Ztl istituita lungo quella strada, “fioriere e pilomat – fa sapere Della Valle – funzionarono bene fino a quando l’amministrazione guidata da Sagliocco decise di non manutenerli più visto che il restyling della strada ormai era prossimo”. “Del resto – aggiunge – nel famoso progetto ‘allargamento della Ztl’ che nacque con l’amministrazione Ciaramella, per il quale ottenemmo i fondi europei, già erano previsti i costosi ma più efficaci varchi elettronici e quindi la sostituzione delle fioriere e dei pilomat”. “Certo, le fioriere in via Corcioni devono essere rimosse perché ormai sono inutili ma – osserva Della Valle – se fossero state rimosse prima, quand’erano ancora intere, sarebbero potute essere utilizzate in altre strade, essendo facili da spostare. E’ un vero peccato averle perse così”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Gricignano, l’architetto Teresa Ricciardiello nuovo responsabile dell’Area Tecnica https://t.co/7JxqnYWDcN

Vicenza, inferno nella nebbia su A31: un morto e feriti gravi https://t.co/4ZuVCfQMYk

Aversa - De Cristofaro: "Mi ricandido dopo aver fatto cose straordinarie" (20.02.19) https://t.co/sBpMOc6lpm

Cesa, imposte comunali e valore venale aree edificabili: Consiglio il 26 febbraio - https://t.co/g2uj2ae1gM

Condividi con un amico