Napoli

Napoli, detenuto “morto per febbre”: protesta davanti carcere Poggioreale

Protesta al carcere di Poggioreale di Napoli, sia all’interno con un gruppo di detenuti che all’esterno con un gruppo di una trentina di donne che hanno bloccato alcuni agenti di Polizia penitenziaria all’interno di un parcheggio lanciando anche alcune bottiglie di vetro. Lo rende noto il Sappe che individua come causa scatenante la morte, giorni fa, del detenuto Claudio Volpi.

I detenuti dei reparti ‘Livorno’ e ‘Salerno’ hanno messo in atto una protesta ‘rumorosa’ battendo oggetti contro le sbarre mentre all’esterno “un gruppo di circa 30 donne, familiari di detenuti – spiega il Sappe – hanno lanciato bottiglie e pietre sia contro il cancello ed anche all’interno del parcheggio per protesta contro il personale di polizia penitenziaria sequestrando una decina di colleghi all’interno”.

Tra i manifestanti anche la moglie di Volpi. “Giovedì ho fatto il colloquio e mio marito stava benissimo mi ha anche baciato – racconta – poi ho saputo che era morto, nessuno mi ha chiamato, nessuno mi ha avvisato. Sono andata io dai carabinieri per capire perché è morto mio marito. Io ho saputo che è stato tre giorni sul letto, morto. Per una febbre a 38,5 non si può morire, non si può morire”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Caserta, alla Scuola Aeronautica una mattina dedicata a Francesco Baracca - https://t.co/thMEWOINYC

Napoli, rapinano minorenne col punteruolo di un ombrello: 2 arresti - https://t.co/LE0PBHFm51

Catania, 9 arresti per bancarotta ed evasione: c'è anche il padre del sindaco - https://t.co/s7szEHFBGg

Gricignano, "comitato d'affari" e "prosciutti": Pd e Op difendono Santagata e accusano Lettieri - https://t.co/3EMzJohDzs

Condividi con un amico