Avellino

Avellino, volevano sequestrare ex complice: 5 arresti

I carabinieri del comando provinciale di Avellino hanno dato esecuzione a 5 misure cautelari (2 in carcere e 3 ai domiciliari) emesse dal Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura antimafia partenopea, nei confronti di persone ritenute responsabili di tentato sequestro di persona con l’aggravante di aver agito con modalità mafiose.

Le indagini, condotte dai militari del reparto operativo – nucleo investigativo ed avviate lo scorso mese di marzo, hanno permesso di appurare che gli destinatari del provvedimento si sono resi responsabili, con condotta perdurante ed in atto fino al momento degli arresti, della pianificazione e dell’organizzazione del sequestro di persona di un pregiudicato del capoluogo Irpino, legato ad alcuni di essi da rapporti lavorativi, per aver sottratto indebitamente 16mila euro in contanti da una cassaforte ritenuta parte dei proventi di illecite attività.

Le attività investigative hanno consentito, tra l’altro, di accertare che gli indagati, per attuare il sequestro di persona, che già avevano messo in atto, hanno operato una serie di preparativi quali in particolare la localizzazione della vittima con l’ausilio di Facebook e applicazioni su smartphone, nonché grazie ai ripetuti sopralluoghi nella provincia presso vari alberghi, minacciando di gravi ritorsioni e vendette parenti ed amici dello stesso, nonché la propria fidanzata, per acquisire informazioni o contattarlo e convincerlo a rientrare in Avellino, la vittima infatti nel frattempo si era rifugiatasi in altra regione.

Durante le fasi dell’organizzazione i principali indagati hanno dettagliatamente impartito ordini agli altri complici affinché si recassero a Roma, luogo ove aveva trovato rifugio, muniti di fascette in plastica per sequestrare la vittima, non solo per recuperare la somma di denaro e portarlo al loro cospetto, ma anche per potergli dare una severissima lezione per il gesto subito, finanche paventando di ammazzarlo.

L’azione criminale, è stata comunque scongiurata solo grazie all’intervento degli investigatori che sono riusciti ad accertare le intenzioni degli arrestati, facendo cambiare alla vittima la località di rifugio ove il gruppo delinquenziale si era già recato (dopo averlo individuato in una abitazione di un pregiudicato del luogo che lo nascondeva), al fine di sequestralo ma non lo aveva trovato grazie all’intervento dei Carabinieri, che hanno allontanato la vittima. Non avendo più modo di rintracciarlo hanno interessato finanche un investigatore privato.

Nel corso dell’operazione, a cui hanno preso parte oltre 50 militari, unità cinofile del Nucleo di Sarno ed un velivolo A109 Nexus del Nucleo elicotteri di Pontecagnano, sono state inoltre eseguite numerose perquisizioni domiciliari e locali.

IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Teverola, Pasquale Menale ucciso a 17 anni: il padre chiede riapertura indagini - https://t.co/SOFSjvWIhy

Aquarius, crisi diplomatica: l'Italia chiede le scuse della Francia - https://t.co/0Qikukigew

Casal di Principe, guida vettura sequestrata e senza patente: denunciato nigeriano - https://t.co/71jp6GXLQ9

Pizzo Calabro, sequestrata vasta coltivazione di marijuana - https://t.co/5ppw01Iq7Q

Condividi con un amico