Caserta

Caserta, il presidente della Provincia chiude le scuole superiori “pericolanti”

Con proprio decreto che sarà firmato nelle prossime ore, il presidente facente funzioni della Provincia di Caserta, Silvio Lavornia, disporrà la chiusura immediata di tutti gli edifici di competenza provinciale che ospitano le scuole superiori e che risultano senza le necessarie autorizzazioni prescritte dalla normativa in materia di antincendio, agibilità, staticità e sicurezza sul lavoro.

La decisione è stata assunta al termine dell’incontro tenuto nella tarda mattinata di oggi presso la Prefettura di Caserta, presieduto dal vice prefetto vicario Gerlando Iorio unitamente al vice prefetto Vittoria Ciaramella, e convocato dietro richiesta urgente di Lavornia di un comitato straordinario per la sicurezza e l’ordine pubblico allargato ai sindaci e alle istituzioni scolastiche provinciali e regionali.

Accompagnato dai capigruppo Francesco Bortone, Antonio Mallardo e Angelo Sglavo, dal diretto generale e responsabile finanziario Giuseppe Vetrone, e dai dirigenti all’Edilizia Scolastica Paolo Madonna, alla Viabilità ed Ambiente Antonino Del Prete, al Personale Aniello De Sarno, all’Urbanistica e Datore di Lavoro Gennaro Spasiano,  e dal Responsabile del Comitato Genitori Umberto Marzuillo, il Presidente della Provincia ha illustrato nuovamente la drammatica situazione finanziaria dell’Ente e la sua impossibilità ad espletare le proprie funzioni ed attività istituzionali, con il blocco di ogni operatività, come già segnalato a ripetizione negli ultimi mesi con diverse note ufficiali.

Inoltre, sono stati portati a conoscenza dell’Ufficio Territoriale di Governo gli ultimi sviluppi delle indagini giudiziarie e degli accertamenti svolti dalle forze dell’ordine, sempre su delega della Procura della Repubblica, in materia di sicurezza degli istituti scolastici superiori, molti dei quali sprovvisti di qualsiasi certificazione inerente la funzionalità degli immobili ospitanti, come dimostrano i recenti casi del sequestro dell’Itg ‘Buonarroti’ di Caserta (leggi qui) e delle altre scuole superiori già attenzionate dagli inquirenti e comunque pronte per essere chiuse a seguito di apposita – spiega la nota – attività investigativa.

Essendo ormai chiaro che le responsabilità ricadono unicamente sulla Provincia e sul suo vertice politico e tecnico e che finora l’Ente non è stato messo nelle condizioni materiale e finanziarie minime per fronteggiare una tale emergenza, con la realizzazione di opere e la attivazione di procedure tese a sanare le diffuse situazioni di illegittimità e di rischio che vivono decine di istituti superiori, il Presidente già da domani mattina procederà alla firma degli atti amministrativi tesi ad interdire con effetto immediato l’utilizzo totale delle scuole. Di tanto è stata informata anche la Direttrice dell’Ufficio Scolastico Regionale della Campania, Luisa Franzese, per l’adozione dei provvedimenti- spiega la nota –  di propria competenza.

“È l’ultima decisione che avrei voluto prendere in vita mia – spiega Lavornia – perché, da insegnante, mai mi sarei sognato di chiudere una scuola soprattutto in un territorio difficile qual è Terra di Lavoro, contrastando anche con i miei principi di educatore. Fino ad oggi ho cercato di evitare tutto questo ma ormai non è più procrastinabile la chiusura degli istituti non a norma, atteso che lo impone la legge come dimostrano i diversi caso di sequestro degli edifici operati dalla Magistratura fino ad oggi ed altri che arriveranno nei prossimi giorni. Il Governo sordo non ha voluto ascoltare le nostre richieste di aiuto, non ha raccolto finora nessun nostro appello rendendo praticamente la Provincia un Ente morto incapace di assolvere a qualsiasi funzione e compito istituzionale attribuitogli tanto dalla Costituzione quanto dalla normativa vigente”.

“Oggi abbiamo dovuto prendere atto della impossibilità di mantenere aperte ancora – spiega ancora il presidente della provincia – le scuole prive di certificazioni di sicurezza, quindi domani emanerò il decreto di chiusura. Mi dispiace per gli studenti e per le loro famiglie, per i docenti e gli operatori scolastici tutti, purtroppo, però, non abbiamo altra strada che arrenderci alla triste realtà dei fatti e rispettare la legge. Da domani saremo all’opera per trovare soluzioni alternative, di concerto anche – conclude la nota – con i sindaci e gli amministratori locali”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico