Home

Venezuela, ancora morti durante proteste: vittime salgono a 63

Altri due giovani venezuelani uccisi durante le proteste antigovernative. Sale a 63 morti il bilancio delle vittime nelle proteste contro il presidente Maduro cominciate i primi di aprile.

Una delle vittime è Anderson Abreu Pacheco, che sarebbe stato raggiunto di un colpo di arma da fuoco alla testa durante una protesta nella zona di El Milagro. Karkom non ha fornito l’età della nuova vittima della repressione in Venezuela, precisando solo che, contrariamente a quanto avevano informato diversi media locali, Abreu Pacheco “non era uno studente, ma la sua è comunque un’altra vita persa a causa dell’anarchia madurista”.

Il presidente Maduro prevede di istituire un assemblea costituente per riscrivere la Costituzione come via di uscita dalla crisi politica che ha colpito il Paese all’inizio di aprile quando la Corte Suprema ha assunto brevemente i poteri legislativi dell’Assemblea. Le elezioni sono previste nel mese di luglio.

Intanto il fronte chavista dell’amministrazione pubblica comincia a incrinarsi: il Procuratore Generale Luisa Ortega ha affermato che la morte del ventenne Juan Pernalete, lo scorso 26 aprile, è stata causata dalle forze dell’ordine e non, come finora sostenuto, da un colpo d’arma da fuoco esploso da manifestanti. “Secondo le conclusioni della nostra indagine lo studente è morto a causa di un blocco cardiaco causato dall’impatto contro il torace di un oggetto contundente, come questo. Sì, si tratta del bossolo di un gas lacrimogeno” ha detto in conferenza stampa a Caracas.

Inquietante il quadro fornito da Ortega: in meno di due mesi di recrudescenza delle proteste, 55 persone sono rimaste uccise; 52 sono civili, tre sono membri delle forze dell’ordine. Su oltre mille feriti, quasi 800 sono manifestanti e militanti dell’opposizione antichavista. Nel quartiere di Montalban, una scuola è stata costretta ad evacuare gli alunni quando il fumo dei lacrimogeni utilizzati dalla polizia ha invaso il cortile della struttura durante la ricreazione.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico