Santa Maria C. V. - San Tammaro

Furbetti del cartellino all’Asl di Santa Maria Capua Vetere: prosciolti tutti gli imputati

Santa Maria Capua Vetere – “Il fatto non sussiste”. Con questa motivazione il giudice dell’udienza preliminare del tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha emesso sentenza di non luogo a procedere per i 40 dipendenti dell’Asl indagati, nel 2012, con l’accusa di truffa aggravata ai danni dello Stato e falso in atto pubblico nell’ambito dell’operazione “Clessidra”.

Dalle indagini era emerso un rilevante fenomeno di assenteismo posto in essere dai dipendenti in servizio al Dipartimento di prevenzione (ex Asl Ce/2) di Santa Maria Capua Vetere che, attraverso la vidimazione “collettiva” dei badge marcatempo, attestavano falsamente la presenza sul posto di lavoro anche di colleghi, a turno, assenti. Un caso di “furbetti del cartellino”, insomma, che vide anche l’esecuzione di provvedimenti di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Oggi, invece, all’esito delle discussioni del pubblico ministero e dei difensori (tra i quali gli avvocati Raffaele Costanzo, Giuseppe Stellato, Antonio Mirra, Federico Simoncelli, Carlo De Stavola, Emilio Martino), il gup ha prosciolto gli imputati, riservandosi il deposito delle motivazioni in trenta giorni.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico