Trentola Ducenta

Trentola Ducenta, i tagli dei commissari colpiscono i circoli Anziani: appello di Eureka

La citta di Trentola Ducenta ha visto soprattutto in questi ultimi anni una presenza crescente della popolazione anziana e ha riservato ad essa, sebbene tra mille difficoltà, un’attenzione da parte delle istituzioni sul territorio. Questo aspetto ha fatto nascere una vera e propria cultura della “terza età” che ha permesso all’Ente Comunale di rispondere ai bisogni e alle richieste di tanti anziani favorendo interventi volti alla promozione di iniziative che potessero in qualche modo facilitare i loro incontri.

A Trentola Ducenta due circoli sociali ricreativi per anziani rischiano seriamente di essere chiusi per la politica adottata dai commissari prefettizi in ordine ai tagli di spesa (spending review) in applicazione della Legge di stabilità.

E’ pur vero che la legge consente ai commissari l’adozione “sulla base delle attività da intraprendere, misure di razionalizzazione e di revisione della spesa, tali da assicurare una riduzione della stessa” per favorire quegli equilibri di bilancio che permettono all’Ente di non dichiarare dissesto finanziario. Ma è altrettanto vero che intervenire in questo delicato settore delle politiche sociali significa sostanzialmente colpire ancora una volta una delle fasce deboli della comunità cittadina.

“Pertanto, l’associazione Eureka, attraverso il suo rappresentante, avvocato Michele Apicella, invita i commissari ad individuare su altri capitoli di spesa, i tagli necessari per gli equilibri di bilancio. “Tale invito – spiega Apicella – nasce dalla consapevolezza che in qualsiasi Paese civile è necessario individuare i bisogni delle persone, soprattutto se anziani, e adottare interventi atti a favorirne sia il benessere individuale che collettivo. Infatti, parlare di popolazione anziana, non significa occuparsi di un universo univoco poiché la terza età è condizionata da una serie di fattori che spaziano dalla cultura personale alla situazione economica, dalla collocazione abitativa alle esperienze lavorative, dalla condizione sanitaria a quella sociale”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico