Home

Terrorismo, nuovi arresti in Francia. “Stavano preparando azione imminente”

Parigi – Sei persone sono state arrestate nel blitz anti-terrorismo avvenuto, lunedì mattina, 4 a tra Strasburgo e 2 a Marsiglia. Fonti locali hanno informato che in seguito anche un altro uomo è stato fermato. 

Gli arrestati, in base a quanto riferito, stavano progettando attentati sul territorio francese. Si tratterebbe di due gruppi terroristici che stavano rientrando dalla Siria. Pare che i sospetti fossero legati ai responsabili dell’attacco al locale parigino Bataclan del novembre dello scorso anno. Si tratta di uomini di nazionalità francese, marocchina e afgana, tutti tra i 29 e i 37 anni.

Gli arresti sono avvenuti nei quartieri di Nehof e Meinau, gli stessi in cui venne smantellata una cellula affiliata all’Isis. Almeno cinque degli arrestati, scrive Le Parisien, si conoscevano ed erano stati in Siria.

Tra i potenziali luoghi di attacco, ha riferito Europe 1, ci sarebbero stati  commissariato della città alsaziana ma anche il celebre mercato di Natale che attira ogni anno quasi 2 milioni di persone. Gli inquirenti hanno confermato che gli arrestati “stavano preparando un’azione imminente”.

Il ministro dell’Interno, Bernard Cazeneuve ha commentato gli arresti dichiarando: “Mai la minaccia terroristica è stata così elevata sul nostro territorio. Il rischio zero non può mai essere garantito e chi lo garantisce mente ai francesi. Facciamo di tutto in ogni momento per prevenire questa minaccia terroristica e proteggere i nostri connazionali”.

Intanto, fonti di polizia hanno informato che i fermati erano seguiti già da tempo dalle forze dell’ordine francesi e che negli ultimi giorni si erano mostrati molto “nervosi” mentre aspettavano “una fornitura di armi”, il che ha fatto aumentare i sospetti nei loro confronti.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Sant'Arpino, "Libera Mente" incontra i cittadini e raccoglie le loro istanze - https://t.co/zfduZefsZ9

Migranti "scaricati" al confine. Salvini: "Vergogna internazionale". La Francia: "Non lo faremo più" - https://t.co/3bVem0mHtU

Pompei, scoperta nuova iscrizione: l'eruzione a ottobre e non ad agosto - https://t.co/em7JOKvebA

Tap, il ministro Lezzi: "Troppo costoso fermarlo". Comitato: "Eletti M5S si dimettano" - https://t.co/cqu0GBJOyv

Condividi con un amico