Home

Boosta, dai Subsonica alla carriera da solista

Dopo 20 anni trascorsi nei Subsonica, Boosta pubblica il primo album di inediti, un viaggio personale nella musica che lo ha condotto dalla tastiera alla composizione dei propri testi.

Davide Dileo, questo il vero nome si è preso una “pausa” dalla band e come Samuel ha intrapreso la strada da solista, pubblicando “La stanza intelligente“, un “disco onesto” – come ama definirlo lui – senza elettronica, disponibile dal 28 ottobre.

“Avevo bisogno di rigenerarmi e l’unico modo per farlo era quello di dare tempo e spazio alle mie cose”, racconta in un’intervista a Tgcom il musicista. In questi anni Davide è consapevole di essere cambiato molto, insieme a Boosta: “In realtà Davide e Boosta non sono mai stati completamente coincidenti. Forse questo ha permesso quella oscillazione che ha creato un po’ di movimento. Sono sempre stato curioso, vivo della mia passione, ho il privilegio di potermi esprimere con la musica. A 40 anni avevo bisogno di cambiare aria e questo era l’unico modo per farlo”.

Una passione, quella per la musica, che lo ha condotto fino a superare, con coraggio, il grandissimo cambiamento della sua carriera. “Non è facile per me cantare, ma avevo voglia di raccontare i pezzi con la mia voce, quello che ho scritto è mio e con un po’ di egoismo ho voluto cantarlo io”. Con Samuel e i Subsonica è un balletto, “uno fa un passo avanti e l’altro ne fa uno indietro e ogni tanto ci si pesta i piedi”. L’unica cosa che Boosta non voleva fare era l’elettronica: “Avevo voglia di suonare con il pianoforte. Come un artigiano mi sono seduto nella mia bottega, ho cercato di dare un filo logico alle canzoni…”.

La cover è molto evocativa dice ancora a Tgcom: “Ho confezionato il disco come si faceva una volta, bello anche da guardare, ho scritto i pezzi, ho lavorato insieme a una amica architetto che adesso fa serigrafie. La cover è una tavola anatomica che mostra come il corpo si trasforma quando si soffre per amore”.

L’album è stato anticipato dal singolo “1993” in cui Greta Menchi appare per la prima volta nei panni di attrice. Ma il disco è una festa, con tanti ospiti: da Malika Ayane a Nek, da Luca Carboni a Raf, da Giuliano Palma a Cosmo e ancora BrigaEnrico Ruggeri, Marco Mengoni e Diodato. “Ho invitato chi volevo, ho ritrovato tanti amici che si sono messi a disposizione, anche voci lontane dal mio mondo… visto che è un gioco era giusto farlo con chi mi diverto. Sono venuti tutti, con molta leggerezza, perché il senso della musica è proprio questo”, puntualizza.

Con Malika canta un brano d’amore, “Noi”: “L’amore si può raccontare in modo semplice, costruiamo castelli intorno al seme della vita, ci facciamo tante domande e quando arrivano le risposte la vita cambia di nuovo le domande. Io non sono ancora pronto a rispondere a quelle nuove, mi tengo ancora le vecchie. Ognuno di noi vive di rabbia, amore ed emozioni. Sono tutti sentimenti basici, condivisibili. Il mio pezzo è una confessione d’amore”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Aversa, De Cristofaro respinge accuse su Eav, buche e luminarie: "Facciamo fatti nel rispetto delle norme" - https://t.co/Wn6kqhMTOC

Trentola Ducenta, trasferimento mercato: per opposizione c'è rischio sospensione e spreco denaro pubblico - https://t.co/77F2Pr6WGy

Aversa, cena di beneficenza alla Salumeria del Seggio con lo chef Gaetano Torrente - https://t.co/1MqrCe3HSz

Aversa, “La politica che serve”: incontro alla Maddalena di Millennials e associazioni https://t.co/eoHmUx4HAK

Condividi con un amico