Italia

Ragusa, l’allevamento degli orrori: salvate decine di cani malnutriti

Ragusa – La Polizia di Stato ha ricevuto una notizia in ordine a possibili combattimenti tra cani all’interno di un’azienda di allevamento bestiame di Ragusa sulla strada per Chiaramonte Gulfi.

Le immediate indagini permettevano di escludere che si svolgessero dei combattimenti, accertamenti avvalorati anche da altre segnalazioni di onesti cittadini che rappresentavano di condizioni disumane degli animali ma non di combattimenti.

L’intervento congiunto della Squadra Mobile, della Squadra Volanti e delle Guardie Zoofile, ha permesso di porre fine ad una situazione di terribile degrado e maltrattamento di animali, in quanto tenuti in condizioni incompatibili con la vita.

All’arrivo della Polizia di Stato gli investigatori trovavano un pitbull legato ad una catena il gravissime condizioni di salute e denutrito al punto da poter vedere ad occhio nudo lo scheletro del cane. Inoltre vi erano diversi cuccioli in pessime condizioni igieniche e privi di cibo, alcuni morenti probabilmente perché denutriti.

Il proprietario del fatiscente allevamento ha dichiarato di non maltrattare i cani e che il pitbull era legato ad una catena perché faceva spaventare le mucche. Le dichiarazioni erano del tutto contrastanti con la realtà, considerato che il cane quasi non si reggeva tra le zampe e non avrebbe potuto neanche raggiungere le vicine vacche o intimorirle.

Da un esame delle Guardie Zoofile, prontamente intervenute sul posto su richiesta dei poliziotti, è stato possibile appurare le condizioni incompatibili con la vita di alcuni degli animali in possesso dell’allevatore, tutti privi di microchip.

È stato inoltre richiesto l’intervento dei veterinari dell’Asp di Ragusa che dovranno accertare le condizioni di salute delle vacche e le condizioni igienico sanitarie dell’allevamento, nonché la destinazione degli animali allevati.

Gli animali sono stati sottoposti a sequestro e affidati al canile comunale grazie all’ausilio prestato dalla Polizia Locale di Ragusa.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico