Ercolano

Camorra, 23 arresti contro due clan rivali di Ercolano

Blitz dei carabinieri nel Napoletano contro due clan rivali che da anni sono in contrasto per la gestione degli affari illeciti a Ercolano, nella zona vesuviana. Indagini, coordinate dalla Direzione investigativa antimafia, hanno portato a 23 misure cautelari, 9 delle quali a carico di indagati già detenuti; i provvedimenti restrittivi riguardano 16 tra elementi di spicco e affiliati del cartello Ascione-Papale e 7 della cosca Iacomino-Birra.

Le ipotesi di reato contestate vanno dall’associazione a delinquere di stampo mafioso, all’estorsione, al sequestro di persona, alla detenzione illegale di armi e munizioni anche da guerra, reati aggravati dalla fianlità mafiosa.

Le indagini sono partite nel 2014, e si basano su intercettazioni, anche video e anche di colloqui in carcere di detenuti, su sequestri di armi e su dichiarazioni di pentiti, tra cui Antonella Madonna, arrestata il 5 dicembre 2012, moglie del boss detenuto al 41 biss Natale Dantese e a sua volta reggente del clan Ascione-Papale.

Nel mirino dei pm antimafia, la ‘guerra’ tra clan tra 2009 e 2014, e in particolare le estorsioni degli Acione-Papale a una paninoteca e a un centro scommesse di Ercolano e una rapina a una ditta per la lavorazione di pellami e stoffe ‘amica’ dei Birra-Iacomino.

Tra i sequestri, spiccano quello il 6 agosto 2014 di 6 pistole e quello del 27 gennaio 2009 di diverse armi tra cui un mitra Ak-47 e uno Mp-40 nonchè due ordigni bellici modello F1. Proprio per recuperare un arsenale della cosca e per evitarne il sequestro da parte delle forze dell’ordine, affiliati esercitarono una costrizione fisica nei confronti del padre di Antonella Madonna.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico