Esteri

Usa, legge contro trans in bagni pubblici: Carolina del Nord fa causa ad Obama

Non si mostra flessibile il North Carolina sulla questione “bagni pubblici” per gay e transgender. Lo stato, a guida repubblicana, non sembra aver accettato la modifica di legge, imposta dal governo Obama, che regolamenta l’uso dei bagni nei luoghi pubblici.

Approvata lo scorso 23 marzo e subito boicottata da molte aziende, oltre che personaggi dello spettacolo, la norma prevede che i transgender debbano utilizzare i bagni corrispondenti al sesso registrato alla nascita. L’amministrazione Obama, che subito aveva criticato la legge (considerata anti Lgbt), accusandola di violare i diritti umani, aveva invitato il North Carolina a modificarla, per scongiurare un taglio dei fondi federali. Ma il North Carolina ha respinto l’ultimatum, scaduto ieri 9 maggio, e ha deciso di fare causa all’amministrazione Obama.

La questione sembrava chiusa, dopo che l’alta Corte d’Appello federale di Richmond aveva stabilito che la pretesa di uno studente transgender, Gavin Grimm, di usare i bagni dei ragazzi, anziché quelli delle donne, fosse legittima, considerando “discriminatoria la decisione del consiglio scolastico di proibirgli le toilette degli uomini”. La Corte aveva però rinviato al Dipartimento dell’Istruzione della Casa Bianca di risolvere una volta per tutte il problema, fissando delle regole in grado di tutelare tutti i diritti, sulla base della Costituzione degli Stati Uniti che vieta qualsiasi discriminazione.

Fino a oggi sembrava che il North Carolina avesse deciso di fare un passo indietro, rinunciando alla “House Bill 2“, la legge che vieta i bagni pubblici transgender. Il governatore del North Carolina, Pat McCrory, in una intervista a Fox News ha detto di aver chiesto al Dipartimento una proroga della scadenza dell’ultimatum. Ma la risposta è stata negativa: la proroga non può essere concessa a meno che lui ammetta che la legge è discriminatoria. Il Dipartimento non ha fatto sapere se intenda intraprendere una azione legale nel caso lo Stato resti fermo sulla propria posizione, ma le lettere lasciano intendere che voglia farlo, aprendo così una dura battaglia giudiziaria.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico