Esteri

Siria, strage dell’Isis con attentati kamikaze in serie: 121 morti

Sale a 121 il bilancio dei morti negli attentati suicidi, rivendicati da Isis, avvenuti nella provincia di Latakia, sulla costa mediterranea della Siria, dove è situata una base navale russa. Secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, 73 persone sono morte nei quattro attacchi compiuti a Jabla e 48 nei tre attacchi di Tartus.

Gli attentati, portati a termine con almeno sette autobomba, hanno provocato un massacro in due città considerate roccaforti del regime di Bashar al Assad. I miliziani, infatti, hanno attaccato gruppi di alawiti, setta musulmana sciita di cui fa parte il presidente Assad.

Secondo testimoni, un primo attentato sarebbe avvenuto a Tartus in un parcheggio, dove un attentatore suicida ha fatto esplodere un’autobomba. Altri due attacchi si sono verificati nelle vicinanze dove kamikaze hanno azionato i giubbetti esplosivi che indossavano. A Jableh, circa 50 chilometri a nord, un’altra autobomba condotta da un kamikaze è esplosa in un parcheggio e poi tre attentatori suicidi si sono fatti saltare in aria nella stessa area, nei pressi della società dell’energia elettrica e di un ospedale.

Mosca: “Preoccupazione per gli attacchi di Tartus” – Preoccupazione in Russia per la serie di attacchi terroristici che dimostrano “la fragilità della situazione nella regione”, secondo quanto ha detto il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico