Aversa

Degrado in Via Abenavolo, il “MeetUp #Aversa” scrive al commissario

Aversa – Dopo una serie di segnalazioni ricevute da diversi cittadini aversani che denunciavano lo stato di degrado di via Abenavolo, una delle strade più antiche di Aversa, due attivisti del “MeetUp #Aversa”, Nicola Grimaldi e Gaetano Iovinella, su delega di tutto il gruppo, si sono recati sul luogo per rendersi conto da vicino della situazione, per confrontarsi con i residenti ed effettuare un reportage fotografico sullo stato dei fatti.

Dopo il sopralluogo i gli attivisti aversani si sono impegnati a presentare un’istanza affinché il commissario Ruffo si impegni a prendere provvedimenti urgenti in merito per eliminare in modo definitivo l’enorme disagio che da diversi anni i nostri concittadini stanno subendo.

Di seguito l’istanza presentata nella giornata di ieri al Comune:

Preg.mo M.R. Ruffo
Commissario prefettizio
Comune di Aversa

I cittadini del “Meetup Aversa Amici di Beppe Grillo” si pregiano informarLa dei disagi che stanno subendo i residenti di via Abenavolo.

In particolare il Gruppo di Lavoro “Tutela del Cittadino”, si è fatto carico di relazionare alla S.V., anche con rilievi fotografici allegati alla presente, in merito alla problematica in oggetto.

In primis, la strada in questione si affaccia su Piazza Trieste e Trento (dove sono ubicati gli Uffici del Tribunale Napoli Nord), e su via S. Biagio, dove costeggia il Monastero delle Benedettine di S. Biagio.

Premesso che: 

La strada è piena di rifiuti, anche pericolosi, con zone non asfaltate e priva di illuminazione pubblica (lato Via S. Biagio fino alla Chiesa del Carmine)

Dalla Chiesa del Carmine a Piazza Trieste e Trento sono state apposte delle tubature esterne agli edifici ed al manto stradale al fine di far giungere l’acqua potabile alle abitazioni dei residenti: tali tubature sono facilmente raggiungibili da malintenzionati e causano notevoli disagi ai cittadini residenti.

Come già comunicato dagli stessi residenti (nota che si allega), vi è la presenza di impalcature, utilizzate per i lavori di restauro della Chiesa del Carmine (iniziati il giorno 15/03/2015 la cui conclusione era prevista per il giorno 25/08/2015).

I suddetti lavori sono ormai fermi da tempo e le impalcature, non messe in sicurezza e prive di cartellonistica prevista dalla normativa in materia, riguardano balconi e finestre delle abitazioni ed in alcuni casi interessano il cortile di un privato, suscitando un senso di “paura” agli stessi residenti in quanto, come già accaduto, qualche malintenzionato potrebbe introdursi facilmente nelle abitazioni.

Dal lato di Piazza Trieste e Trento inoltre è presente un ponteggio tra due abitazioni che riduce la larghezza e l’altezza della strada di accesso e che trovasi in evidente stato di abbandono.

Tutto ciò premesso i pervenuti chiedono alla S.V. di prendere provvedimenti urgenti in merito a ciò al fine di favorire la conclusione dell’enorme disagio dei nostri concittadini, finora per niente considerati. 

Confidando in un Suo tempestivo intervento Le porgono distinti ossequi. 

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Gricignano, la commercialista Giusy Affinito candidata di "Si Può Fare" - https://t.co/paj1XJKJKP

San Tammaro, 4mila pacchetti di sigarette nascosti in auto: 2 arresti https://t.co/T09Rjpf4Kj

Vitalizi, l'ex ministro Landolfi prende a schiaffi l'inviato di Giletti - https://t.co/KmgEeuDEsM

Berlusconi contro i 5stelle: "Nella mia azienda pulirebbero i cessi". Salvini: "Così si chiama fuori" - https://t.co/38Tq2r5FuO

Condividi con un amico