Home

Catasto, addio ai vani: ora contano solo i metri quadrati

Per 57 milioni di immobili il documento di riconoscimento rilasciato dall’Agenzia delle Entrate conterrà il dato relativo alla misura della superficie in metri quadrati. Vanno in soffitta definitivamente i calcoli basati sui vani. Il provvedimento porterà a una semplificazione concreta anche per il calcolo della Tari, la tassa sui rifiuti.

“Arriva direttamente in visura anche la superficie ai fini Tari, per consentire ai cittadini di verificare con facilità la base imponibile utilizzata per il calcolo della tassa rifiuti”, spiega l’Agenzia delle Entrate.

Oltre ai dati identificativi dell’immobile (sezione urbana, foglio, particella, subalterno, Comune) e ai dati di classamento (zona censuaria ed eventuale microzona, categoria catastale, classe, consistenza, rendita), da oggi sarà riportata direttamente in visura anche la superficie catastale. E’ una semplificazione che riguarda circa 57 milioni di unità immobiliari urbane a destinazione ordinaria, iscritte in catasto e corredate di planimetria.

La superficie ai fini Tari, che, per le sole destinazioni abitative, non tiene conto di balconi, terrazzi e altre aree scoperte di pertinenza e accessorie. Ciascun proprietario avrà così a portata di mano anche questa informazione, già fornita dall’Agenzia delle Entrate ai Comuni grazie ai flussi di interscambio dati già attivi, per poter verificare la base imponibile utilizzata per il calcolo del tributo sui rifiuti. In caso di incoerenza tra la planimetria e la superficie calcolata, inoltre, i contribuenti potranno inviare le proprie osservazioni, attraverso il sito dell’Agenzia, e contribuire quindi a migliorare la qualità delle banche dati condivise tra Fisco ed enti locali. Già dal 2013 i Comuni possono segnalare errori di superficie riscontrati su immobili presenti nella banca dati catastale.

La novità lascia al momento fuori, in attesa delle opportune verifiche nell’ambito delle attività di allineamento delle banche dati, gli immobili che presentano un dato di superficie “incoerente”. Quanto agli immobili non dotati di planimetria, che risalgono perlopiù alla prima fase di censimento del Catasto edilizio urbano, e sono di conseguenza privi anche del dato relativo alla superficie, i proprietari possono presentare una dichiarazione di aggiornamento catastale, con procedura Docfa, per l’inserimento in atti della piantina catastale. Una regolarizzazione che, per l’attuale normativa, è d’obbligo se si è intenzionati a vendere.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Aversa, "La politica che serve": incontro alla Maddalena di Millennials e associazioni - https://t.co/gG0vYRG7GB

Casoria, assegno contraffatto: il giudice assolve imputato per depenalizzazione reato - https://t.co/4Hs0QQvnwT

Aversa, la casa natale di Cimarosa apre al pubblico con eventi di musica, arte e cultura - https://t.co/RZWl78VlH0

Aversa, l'arte "dal vivo" di Domenico Napolitano al Chiostro di Sant'Audeno - https://t.co/F9XhtSXNsa

Condividi con un amico