Home

Roma, ‘Ndrangheta: arrestato il latitante Andrea Rollero

Roma – I finanzieri del comando provinciale di Roma hanno catturato nella Capitale, dopo circa otto mesi di latitanza, il pericoloso narcotrafficante romano Andrea Rollero, 33 anni, ritenuto dagli inquirenti uno dei principali membri di un sodalizio criminale collegato alle temutissime cosche calabresi “Pelle – Nirta – Giorgi alias Cicero” di San Luca (Reggio Calabria).

L’uomo risultava essersi sottratto al provvedimento di cattura emesso lo scorso gennaio 2015 dal Tribunale di Roma, nell’ambito delle operazioni “Buena Hora 2” e “Codice San Luca”, che avevano consentito alle Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia tributaria ed alla squadra mobile della Questura di Roma, di smantellare una cellula ‘ndranghetista operante nella Capitale.

Le indagini culminavano, lo scorso 20 gennaio, con l’esecuzione di un provvedimento di cattura nei confronti di 35 persone, accusate dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura della Repubblica di Roma, a vario titolo, di plurime fattispecie penalmente rilevanti, aggravate dall’aver favorito la ‘ndrangheta, cui riuscivano a sottrarsi Rollero Andrea ed il più blasonato zio Marco Torello Rollero, 60 anni, da tempo dimorante in Marocco.

Nel corso delle attività investigative sono state accertate numerose condotte di narcotraffico poste in essere dai Rollero, in grado di inviare settimanalmente, dal Marocco all’Italia, circa 1000 chili di stupefacente. La droga, cocaina dal Sudamerica e hashish dall’Africa, veniva importata anche per conto di soggetti contigui alle nominate cosche di ‘ndrangheta.

Rollero, inizialmente noto agli inquirenti per essere il nipote del più famoso Marco Torello Rollero – anche questi poi arrestato, lo scorso aprile 2015, in Marocco, dopo numerosi anni di latitanza -, nonostante la giovane età, all’esito delle indagini, si è qualificato come un affidabile fornitore/intermediario per l’acquisto di ingenti partite di droga, attivo sull’intero territorio nazionale, in grado di accreditarsi con esponenti di spicco della malavita romana, grazie alle ottime credenziali fornitegli dallo zio.

Proprio muovendosi sulle orme del Marco Torello, quindi, il giovane Andrea diveniva il principale referente in Italia dell’organizzazione indagata, rendendosi protagonista, nel periodo investigato, dell’introduzione sul territorio nazionale di oltre 600 chili di sostanza stupefacente. Fin dall’inizio della sua latitanza, le Fiamme Gialle del Gico (Gruppo investigazione criminalità organizzata) del Nucleo di Polizia tributaria di Roma avviavano una costante e mirata attività info-investigativa, finalizzata alla cattura del giovane narcotrafficante, di cui si sapeva avesse trovato rifugio nel locale quartiere di Primavalle. Tale incessante monitoraggio culminava con l’individuazione del latitante presso la stazione “Battistini” della metropolitana, mentre era intento a colloquiare con un altro pluripregiudicato romano, M.M., 50 anni.

Predisposta un’adeguata cornice di sicurezza, veniva dato il via all’operazione di cattura. All’atto del fermo, Andrea Rollero esibiva documenti di identità falsi, rilasciati a nome di un ignaro e stimato impiegato di banca romano, del tutto estraneo alla vicenda, che gli hanno consentito di vivere in totale clandestinità durante tutti i mesi della latitanza.

Al momento, sono in corso ulteriori approfondimenti investigativi, finalizzati a ricostruire la rete di connivenze e protezione di cui Andrea Rollero ha potuto godere durante i mesi passati in clandestinità, nonché specifici accertamenti sui documenti falsi esibiti dal latitante.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico