Orta di Atella

“La canzone di San Salvatore da Horta”, il libro di Andrea Russo

Orta di Atella – Se le liturgie e gli eventi della Pentecoste, ad Orta di Atella daranno il via, praticamente, alla setti- mana dei festeggiamenti in onore del taumaturgo san Salvatore da Horta (processioni di vari gruppi di devoti biancovestiti provenienti da Recale, Caturano, Portico, Marcianise e di ritorno dalla Madonna dell’Arco), anche la Cultura saprà fare, quest’anno, la sua attesa ed importante parte, nello spirito di un gemellaggio che si rinnova da 13 anni tra la cittadina atellana e Horta de Sant Joan (Spagna), entrambe devote del Santo francescano catalano.

Infatti, mentre fervono i preparativi di allestimento luminarie, fuochi, musiche e concerti bandistici in piazza pubblicizzati dal ricco programma civile della festa, si annuncia con soddisfazione anche il convegno di presentazione del volume scritto da Andrea Russo, dal titolo “La canzone di San Salvatore da Horta”.

L’incontro avrà luogo lunedì 25 maggio al Convento (o area liturgica all’aperto), alle ore 17,30.

Il LIBRO  Illustra la vita del anto laico francescano prima e dopo la vestizione dell’abito francescano. E lo fa mediante una lunga poesia di oltre trecento versi, a rime alternate, nonché con una prefazione e una presentazione che parlano del tipo di canzone popolare (in catalano si definisce un goigs, mentre in spagnolo/castigliano si chiama gosos) e delle emozioni che essa è capace di suscitare nel lettore/devoto.

Vi sono raccontati, poi, alcuni miracoli del santo e la meraviglia che essi sempre destarono tra la gente e tra i confratelli, senza dimenticare i fastidi da Lui avuti a motivo dei suoi miracoli, dei timori dei Superiori nonché di situazioni storiche contingenti (Tribunale dell’Inquisizione). Infine, la composizione accenna alla Legenda della Principessa di Bel- monte che avrebbe fatto co- struire il convento di Orta e, da ultimo, si chiude con una pia preghiera, in cui s’ invoca la benedizione e la protezione sui devoti di Orta di Atella e di Horta de Sant Joan, le due comunità gemellate nel 2002, nonché sull’Italia e sull’Europa intera.

Al pubblico incontro è prevista anche la partecipazione di un Gruppo di devoti catalani provenienti da Horta de Sant Joan (Spagna), mentre interverranno come relatori Padre Luigi Ortaglio, ofm, ed i professori Achille De Marco e Luigi Del Prete. Il saluto d’apertura sarà fatto dal Superiore del Convento e da Andrea Russo, autore dell’omaggio poetico in onore di san Salvatore da Horta.

Disponibili 1000 copie del volume per raccogliere fondi con cui restaurare il quadro intitolato “Le tentazioni di Sant’Antonio Abate”, posto nella prima cappella di sinistra, in santuario.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico