Castel Volturno - Cancello ed Arnone

Spaccio al Parco Grimaldi, fermato un liberiano

Castel Volturno – L’incessante attività di contrasto allo spaccio ed al traffico di stupefacenti sul litorale domitio, ha condotto la polizia di Caserta, nel pomeriggio di lunedì scorso, all’arresto di un altro pusher extracomunitario.

In particolare, i poliziotti della sezione antidroga della squadra mobile, diretta dal vicequestore Alessandro Tocco, e del commissariato di Castel Volturno, diretto dal vicequestore Milly D’Amore, impegnati in un quotidiano monitoraggio del territorio, al fine di individuare le nuove piazze di spaccio, dopo gli arresti operati nelle scorse settimane nei pressi del ‘Parco Grimaldi’ a Castel Volturno, rilevavano sospetti assembramenti nei pressi di una villetta in stato di abbandono ubicata in quella via Tenerani, all’interno della quale, più volte al giorno, vi si introducevano con atteggiamento guardingo dei cittadini extracomunitari, spesso preceduti da gruppetti di giovani italiani.

Pertanto, predisposti servizi di osservazione, i poliziotti facevano irruzione all’interno dell’immobile allorquando notavano che un giovane extracomunitario, poi identificato per Isfor Chass, nato in Liberia il 1 gennaio 1983, domiciliato e senza fissa dimora a Castel Volturno, vi si introduceva, preceduto poco prima da quattro individui, sorprendendolo nell’atto di consegnare due dosi di crack, del peso complessivo di 0,40 grammi.

I successivi accertamenti consentivano di appurare che lo straniero, dopo essere stato contattato, aveva indicato al gruppetto di recarsi all’interno del villino, per effettuare la consegna dello stupefacente al riparo di sguardi indiscreti.

La scena, però, non era sfuggita ai poliziotti che, nel corso degli appostamenti precedenti, avevano ipotizzato che la costruzione, fatiscente ed in stato di abbandono, potesse essere divenuta una nuova base logistica dei numerosi pusher che operano nel comprensorio, costretti dalle recenti operazioni portate a termine dalla Polizia di Stato ad adottare maggiori precauzioni, spostandosi dalle “abituali” piazze di spaccio.

Chass, pertanto, veniva arrestato in flagranza di reato per spaccio di stupefacenti, inoltre si appurava che lo stesso, in passato, era stato identificato con diversi alias ed annoverava precedenti penali per false dichiarazioni, violazione della normativa in materia di immigrazione ed il 30 ottobre 2014 era stato arrestato per detenzione e spaccio di eroina e crack in concorso con altri cittadini extracomunitari.

Evidentemente, dopo la scarcerazione Chass, benché sottoposto alla misura cautelare del divieto di dimora nella provincia di Caserta, aveva ripreso le sue abituali ed illecite attività.

Peraltro, proprio in via Tenerani, a pochi metri dalla villetta ove è stato arrestato dalla Polizia di Stato il pusher, il 19 febbraio scorso, ignoti esplodevano un colpo di fucile contro un altro cittadino liberiano, Idrees Saeed, di 37 anni, ferendolo gravemente all’addome.

Martedì 3 marzo, Chass è stato sottoposto a giudizio con rito direttissimo, ma dopo la convalida del provvedimento di arresto è stato rimesso in libertà, essendo stata rinviata l’udienza per la decisione al prossimo ottobre.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico