Home

Napoli-Juventus, supersfida da un miliardo

Napoli – Un supermatch da un miliardo di spettatori in tv e oltre cinquantamila al San Paolo. La sfida tra Napoli e Juventus che ha appassionato mezzo mondo in Supercoppa e che conferma il suo appeal anche in campionato: il match di domani sera sarà trasmesso in tutti i cinque continenti e si stima che l’incontro potrebbe essere visto, appunto, da un miliardo di persone, tra diretta e differita.

Il Napoli va a segno da 12 incontri consecutivi al San Paolo contro la Juventus, per un totale di 24 marcature. L’ultimo digiuno azzurro risale al 23 marzo 1997: 0-0 in serie A. E’ l’unica formazione della serie A 2014/15 senza rigori a sfavore: i partenopei non ricevono un penalty a proprio scapito dal 30 ottobre 2013, Fiorentina-Napoli 1-2, fallito da Giuseppe Rossi. Da allora sono passate 45 giornate tra stagione 2013/14 ed attuale. Sfida tra giocatori super-decisivi nella serie A 2014/15: da un lato Tevez (re della graduatoria) con 13 punti portati alla Juventus grazie ai suoi gol determinanti; al secondo posto con 11 punti Callejon (Napoli), insieme al genoano Matri, all’interista Icardi ed al neo-acquisto azzurro Gabbiadini (finora alla Sampdoria).

La Juventus non vince a Napoli dal 30 settembre 2001: 2-1 in serie A; poi si contano al San Paolo confronti ufficiali, con score di 4 pareggi e 5 successi partenopei.Trecento in carriera, da professionista e con maglie di club, per Leonardo Bonucci che somma 183 gettoni in serie A, 58 in B, 18 in coppa Italia, 37 nelle coppe europee e 3 in altri tornei, con le maglie di Inter, Treviso, Pisa, Bari e Juventus. Esordio assoluto datato 14 maggio 2006, serie A, Cagliari-Inter 2-2.

Niente juventuini sugli spalti – “La decisione di chiudere la parte inferiore del settore ospiti e di destinare quella superiore per iniziative di legalità con divieto di vendita dei tagliandi ai non residenti nella Regione Campania, anche ove in possesso della Tessera del Tifoso, è stata assunta dal Prefetto di Napoli, condividendo la valutazione del Ministero degli interni che ha reputato la gara ‘connotata da profili di rischio massimo’”. Lo precisa, in una nota, il Napoli in merito al divieto per i tifosi della Juventus di assistere alla partita di domenica al San Paolo. Nel comunicato, il club azzurro sottolinea inoltre di essere “totalmente estraneo alla suddetta valutazione ed alla decisione che ne è conseguita”. “È inoltre del tutto inaccettabile – prosegue la nota – ricevere dall’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive del Ministero degli Interni, tramite la Lega Nazionale Professionisti Serie A, nella mattinata del 31 dicembre una convocazione riguardante una riunione indetta per la mattina del 2 gennaio, avente ad oggetto la sicurezza di una gara di calcio così importante. Ciò detto, la mancata partecipazione del rappresentate della S.S.C. Napoli alla richiamata riunione convocata dall’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive non ha avuto nessun effetto, né mai avrebbe potuto averne, rispetto al provvedimento adottato dal Prefetto di Napoli. Il Napoli auspica che per il futuro tali problematiche vengano affrontate con un adeguato anticipo, di almeno 30 giorni, e non solo una settimana prima della disputa dell’evento”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico