Carinaro

Eco Uno, sindaco assente a conferenza servizi: l’opposizione insorge

 Carinaro. Il gruppo di minoranza “Uniti per Cambiare” ha inviato al primo cittadino una missiva riguardante la richiesta di notizie sulla mancata partecipazione dell’amministrazione di Carinaro alla conferenza dei servizi sulla Eco Uno, …

… azienda specializzata nel trasporto e stoccaggio di rifiuti in procinto di insediarsi nell’area industriale cittadina.

“Con molto stupore – scrivono il capogruppo Giuseppe Barbato e i consiglieri di opposizione – si apprende che nessuno dei sindaci o delegati dei comuni di Carinaro, Gricignano e Teverola si è presentato alla conferenza di servizi convocata dalla Regione Campania, per il giorno 15 ottobre. Alcun parere è stato fornito agli organi competenti, favorendo, di fatto, con il proprio silenzio assenso, il rilascio dell’autorizzazione ‘allo stoccaggio, cernita e trattamento di rifiuti pericolosi e non’ alla Eco Uno, ‘sorella gemella’ della Eco Transider, che sorgerà sul territorio di Carinaro rappresentato dal sindaco Dell’Aprovitola e dall’attuale maggioranza”.

“Un’assenza – sostengono dall’opposizione – dal sapore di beffa per tutti i cittadini che al corteo dell’11 settembre (al quale anche il sindaco ha partecipato rappresentando il Comune di Carinaro) chiedevano maggiore tutela del territorio e non l’insediamento di altri opifici potenzialmente dannosi per l’ambiente. Tutto questo mette in luce che si predica una cosa e poi si fa il contrario di tutto ciò che si proclama! Soprattutto, quest’assenza ingiustificata sembra risaltare una pregressa volontà, da parte del sindaco, di voler agire in questo modo: ‘Non diamo l’autorizzazione, ma neppure la neghiamo’, per poi giustificarsi, ad insediamento avvenuto, con un semplice ‘Io non c’ero’, com’è solito delle più becere manovre politiche tendenti allo scaricabarile”.

“I cittadini – concludono da ‘Uniti per Cambiare’ – possono essere anche degli stolti, come qualcuno li definisce e come quest’amministrazione avalla con il proprio silenzio, ma non ci vuole un naso elettronico per capire che questa politica emana esalazioni superiori a qualsiasi azienda insalubre insistente sul territorio. Una domanda, tuttavia, è opportuna: in che modo si intende adesso propinare ai cittadini una maggiore tutela del territorio?”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico