Aversa

Liceo Jommelli, ingorghi stradali quotidiani prima della campanella

 Aversa. Protestano gli automobilisti che percorrono via Costantinopoli. Nel punto dell’arteria i cui c’è l’ingresso del liceo Jommelli, con puntualità impressionante, ogni mattina si origina un maxi ingorgo per la presenza di centinaia di studenti che aspettano l’apertura del cancello dell’istituto, chiuso fino al suono della campanella.

Un problema segnalato anche dai docenti che avevano contestato, anche attraverso i media, la decisione del dirigente scolastico di disporre l’ingresso degli studenti solo dall’accesso di via Costantinopoli e non anche da via Ovidio come avveniva in passato.

Una scelta che crea una condizione di traffico caotico per la presenza non solo di centinaia di studenti che invadono l’intero piano stradale ma anche dei tanti automezzi addetti al trasporto scolastico, alcuni dei quali di dimensioni enormi essendo utilizzato per il trasporto scolastico bus turistici adatti ai viaggi di gruppo organizzati nei fine settimana.

Pullman turistici di dimensioni tali da creare un grosso ingorgo di traffico anche in piazza Fuori Sant’Anna, dove questi automezzi, insieme a bus di piccole dimensioni e automobili private, scaricano letteralmente centinaia di studenti provenienti anche dai comuni limitrofi, diretti non solo al liceo Jommelli ma anche alla liceo artistico che affaccia sulla piazza.

VIDEO

Creando un problema di sicurezza, segnalato più volte anche dall’Associazione Italiana dei Familiari delle Vittime della Strada ma che non ha ottenuto alcun riscontro, malgrado l’attraversamento del centro storico, come piazza fuori Sant’Anna e via Costantinopoli, debba essere vietato ad automezzi di dimensioni particolarmente grandi come sono gli autobus turistici che, quando impiegati per le gite fuori porta, sostano in via Di Jasi, nei pressi del cinema, o in piazza ferrovia proprio per evitare il centro storico.

I bus scolastici invece circolano liberamente creando problemi di traffico e si aggiungono a quelli prodotti dalla presenza di centinaia di studenti che invadono via Costantinopoli aspettando il suono della campanella. Un rischio, almeno quest’ultimo, che potrebbe essere evitato aprendo il cancello d’ingresso al liceo fin dalle ore 7.30 affinché gli studenti possano entrare in istituto man mano che lo raggiungono.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico