Campania

Napoli: sigilli ai beni di “Schiattamuorto”, prestanome dei Moccia

 Napoli. Beni per 150 milioni di euro sono stati sequestrati dai carabinieri a un prestanome del clan Moccia, Salvatore Esposito, detto “‘O Schiattamuorto”, in un un’operazione scattata la scorsa notte in Campania.

I militari del nucleo investigativo di Castello di Cisterna (Napoli) hanno posto i sigilli a tre ditte di pompe funebri, una società immobiliare, appartamenti, ville di lusso, decine di conti finanziari, un ristorante e ben 150 automobili.

Nel corso delle indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli, i carabinieri hanno scoperto che il patrimonio era riconducibile a un esponente di spicco della criminalità organizzata operante sull’hinterland a Nord del capoluogo campano.

Secondo l’accusa, Esposito si occupava del riciclaggio dei soldi sporchi, detenuto dal giugno 2013 per 416 bis (associazione per delinquere di stampo mafioso). Vent’anni fa gli uccisero un fratello nel corso della cosiddetta “faida del caro estinto” per il controllo delle ditte funebri sul territorio.

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Teverola, marciapiede dissestato: cade a terra e finisce in ospedale. “Voglio ringraziare…” https://t.co/UBMeWiTPnm

Tueff, il “rapper brigante pe’ ammore” https://t.co/Y5jepfY8tO

Ponti tra Cesa, Aversa e Sant’Antimo: incontro tra sindaci https://t.co/m29ws4nyaD

Teverola, marciapiede dissestato: cade a terra e finisce in ospedale. "Voglio ringraziare..." - https://t.co/yLwaaT0qXf

Condividi con un amico