Aversa

Elia Barbato verso il ritorno in Giunta

 Aversa. Elia Barbato potrebbe far parte dell’esecutivo tecnico che potrebbe nascere nelle prossime ore, in cui troveranno quasi certamente posto Ninì Migliaccio e Guido Rossi.

L’ingegnere aversanopotrebbe rientrare nell’esecutivo perché a determinare le dimissionisarebbe stato un semplice frainteso con il primo cittadino sul modo di realizzare la messa in sicurezza di via Roma. L’averne parlato, ancora una volta, dopo due mesi di confronto, nella serata di venerdì, trovare il lunedì successivo gli operai all’opera, intenti a coprire e livellare con asfalto le zone a rischio avrebbe fatto scattare la protesta di Barbato, manifestata rassegnato le dimissioni nelle mani del coordinatore cittadino di Forza Italia.

“Un gesto dettato da un malinteso, confermato dalla presenza della mia firma accanto a quella del sindaco sul manifesto affisso in città per informare gli aversani dell’avvio dei lavori di messa in scurezza di via Roma”, afferma il berlusconiano. “Un malinteso nato – dice – dalla convinzione che la mia ipotesi di intervento, basata sulla sistemazione dei 600 metri quadrati di superficie dissestata dell’arteria con sampietrini, fosse stata accolta dal primo cittadino. Mentre, come hanno dimostrato i fatti, Sagliocco doveva aver ritenuto l’esatto opposto, vale a dire che fossi stato io ad accettare la sua soluzione”.

Un equivoco, così come un equivoco sono state le parole riportate da una parte della stampa circa una presunta “impossibilità di discutere liberamente, senza prevaricazioni con un confronto che sia franco, ma anche leale” con il primo cittadino. “Nessuna prevaricazione da parte del sindaco, con nessun componente della giunta. La nostra – dice Barbato – è una Giunta seria, che dialoga apertamente, analizzando i problemi sotto tutti gli aspetti prima di prendere decisioni. Certo nel dialogo si esprimono anche idee diverse, ma è normale quando ci si confronta”.

“Per quanto mi riguarda – aggiunge – posso affermare che con il primo cittadino c’è stato sempre un dialogo corretto e pacato. Anzi devo ricordare che spesso e volentieri Sagliocco ha accettato i miei suggerimenti anche su argomenti di cui inizialmente aveva vedute differenti”.

Se non c’è stata prevaricazione, né contrasto ma si è trattato solo un equivoco, a mente fredda pensa di aver sbagliato a rassegnare le dimissioni? Rifarebbe oggi quel gesto? Rientrerebbe in Giunta? “Quello che è fatto è fatto ma non credo di avere sbagliato, anzi – dice Barbato – penso di aver offerto al sindaco l’occasione per dare il via ad un progetto di verifica della maggioranza, mirato a rilanciare l’azione amministrativa, di cui lui stesso sentiva la necessità da tempo”.

“Circa il mio eventuale ritorno in Giunta, dipenderà – aggiunge il dimissionario assessore – dal rapporto fra Forza Italia e il sindaco. Un rapporto che può essere di continuità di azione, avendo noi sposato il progetto politico fin di Sagliocco dall’inizio anche a discapito della nostra rappresentanza in consiglio”.

“Stabilito questo sarà il partito a fare delle valutazioni. Così che se il partito decidesse per un mio rientro in Giunta non avrò alcuna difficoltà, ovviamente dopo aver chiarito con Sagliocco tutti gli aspetti della problematica nata in questi giorni”, conclude Barbato.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico