Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Capodrise, approvato il piano degli impianti pubblicitari

 Capodrise. Nella seduta dello scorso Consiglio comunale, oltre all’approvazione del bilancio di previsione, è stato approvato un importante provvedimento proposto dall’assessore e vicesindaco Sossio Colella (nella foto) avente ad oggetto il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari (Pgip).

Il Piano, approvato dalla commissione consiliare, presieduta da Michele Di Paolo e da Angelo Maietta, e dalla Commissione comunale per l’ambiente e paesaggio, ha la funzione di incrementare gli impianti pubblicitari sul territorio comunale e contestualmente, migliorare l’arredo urbano e aumentare le entrate comunali.

Gli impianti per la pubblicità esterna risultano essere posizionati sul territorio del Comune di Capodrise in maniera da non tener conto del progresso demografico degli ultimi anni, risultando gli impianti comunali esistenti inadeguati, carenti, oltreché obsoleti. Tale condizione si ripercuote sia sull’immagine urbana, sia sull’efficacia dei messaggi, contenuti negli spazi pubblicitari.

Oltre a questi aspetti non è da sottovalutare la circostanza secondo la quale il settore pubblicitario rappresenta, da un lato, una fonte di entrate tributarie per le casse dell’amministrazione comunale, e dall’altro, un settore da gestire sotto l’aspetto normativo, urbanistico ed ambientale.

Ai sensi del piano, il territorio comunale è stato diviso in tre zone: una zona “A” vietata per gli impianti pubblicitari; una zona “B” vincolata; una zona “C” consentita. Gli impianti ammissibili saranno: Tabelloni, Cartello, Punti Wi Fi, impianti elettronici a messaggio variabile, mega poster, totem, pensilina, palina trasporto pubblico o altri servizi, orologio, quadro informativo, schermo led, transenna parapedonale pubblicitaria, cestino porta rifiuti pubblicitario, panchina, rastrelliera porta bici, altri mezzi di arredo urbano.

Il piano – secondo quanto riferisce l’assessore Colella – potrà essere attuato in tre modi alternativi: impianti da installare a carico e a spese del Comune; impianti da installare a carico dei privati a seguito si singole autorizzazioni specifiche e che verseranno al Comune la Tassa occupazione suolo pubblico (Tosap) e Imposta sulla pubblicità (Icp); impianti da installare a carico di un concessionario privato che, a seguito di gara pubblica, si assumerà l’onere di installare tutti gli impianti pubblicitari e che verserà al Comune il canone che risulterà dalla gara e l’Icp. Approvato il Regolamento, a breve saranno messe in atto le procedure per l’attuazione del Pgip.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico