Aversa

Terra dei Fuochi e sicurezza alimentare: convegno della Cisal

 AVERSA. La Cisal di Caserta, coordinata da Carmine Piccolo, organizzerà una tavola rotonda con esperti del settore per un confronto sul tema della sicurezza alimentare nella cosiddetta “Terra dei Fuochi”.

Intanto, Piccolo dirama una nota dell’agronomo Luigi Zagaria che sottolinea “l’eccessivo allarmismo” degli ultimi tempi sulla questione dei rifiuti interrati.

“L’allarmismo sulla sicurezza e salubrità dei prodotti ortofrutticoli coltivati in Campania, ed in particolar modo nella provincia di Napoli e Caserta, che si è determinato in seguito al rinvenimento di rifiuti speciali in alcuni siti, non trova adeguata giustificazione scientifica.

Innanzitutto i rifiuti sversati nell’intero territorio campano interessano una minima percentuale dei fondi coltivati che sono 724000 ettari (censimento Sat 2010) e che, come dichiarato dai collaboratori di giustizia, sono stati interrati a diversi metri di profondità ed in zone non adibite a nessun tipo di coltivazione.

Le radici degli ortaggi coltivati interessano una profondità mediamente di 30/40 centimetri, per cui, qualora fossero stati coltivati su terreni contenente rifiuti interrati a tale profondità, e ammesso che tali rifiuti fossero fuoriusciti dai loro contenitori (fusti), non riuscirebbero ad assorbire mai tali sostanze pericolose.

Inoltre, anche se riuscissero ad assorbire eventuali sostanze pericolose bisognerebbe distinguere tra gli ortaggi che producono frutti eduli destinati all’alimentazione umana ed ortaggi che vengono consumati come tali; in quanto la quantità di elementi pericolosi eventualmente assorbiti potrebbero essere accumulati in quantità diversi nelle varie parti della pianta (cioè tra frutti, foglie e radici). Inoltre si ritiene che i rifiuti interrati in vari siti del nostro territorio abbiano potuto inquinare le falde acquifere per cui l’acqua non sarebbe idonea per l’uso irriguo.

Anche in questo caso si parla in modo generico senza tener conto che la maggior parte dei fondi coltivati in provincia di Caserta vi è irrigato mediante la rete idrica del Consorzio di Bonifica Bacino inferiore del Volturno in cui l’acqua sicuramente non proviene da fonti inquinate. Con questo non si vuole nascondere il problema che sicuramente c’è e che deve essere affrontato con onestà e pacatezza, trovando una soluzione certa e definitiva.

Basterebbe, senza troppi clamori, fare un monitoraggio dell’intero territorio campano ed individuare i siti in cui sono stati sversati i rifiuti pericolosi per la nostra salute. Una volta individuati tali siti procedere dove è possibili alla bonifica dei terreni e dove invece, non fosse possibile bonificare i terreni inquinati si potrebbero destinarli alla coltivazione di colture no food – Luigi Zagaria”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico