Esteri

Francia, studentessa violentata in gita: espulsa da scuola

 PARIGI. Violentata durante una gita scolastica a Berlino a fine maggio, un mese e mezzo dopo è stata espulsa dalla scuola perché al momento dell’aggressione stava violando il coprifuoco imposto dall’istituto prima del viaggio.

Sta sollevando un comprensibile polverone la vicenda della 15enne Manon (ma il nome scelto da “Le Figaro” è di fantasia, vista la minore età della ragazzina), cacciata dalla Notre-Dame de la Provence, scuola privata cattolica di Thionville, cittadina della Lorena.

La ragazza, insieme con altre due compagne è stata espulsa per non aver rispettato il regolamento interno, firmato da studenti e genitori prima della partenza per la Germania, che vietava ai ragazzi di uscire dalle loro camere dopo le 22 (“in realtà la comitiva scolastica era alloggiata in un ostello berlinese e non aveva un’ala riservata ad uso esclusivo”, fa notare l’avvocato Frédéric Richard-Maupillier, che rappresenta la famiglia della ragazzina) e di consumare alcolici. Un divieto che però la sera del 28 maggio Manon e le sue amiche non rispettano (“Sono studentesse di 15 anni e a quell’età si sa che non sempre si rispettano le regole”, commenta ancora il legale), decidendo di uscire a chiacchierare in corridoio.

Ed è lì che incontrano un 18enne polacco, conosciuto poche ore prima sempre all’interno dell’ostello, che le convince a seguirlo nella sua stanza, dove però ci sono altri tre amici che, dopo aver spinto le ragazzine a bere vodka “per lasciarsi un po’ andare”, aggrediscono sessualmente Manon.

Due giorni dopo l’adolescente racconta quanto successo ad un insegnante, che denuncia poi l’accaduto alla polizia di Berlino. Ma mentre forze dell’ordine tedesche avviano le indagini (tuttora in corso) per chiarire le circostanze della presunta violenza, al ritorno in Francia la scuola convoca un consiglio disciplinare d’urgenza, decidendo all’unanimità di espellere le tre studentesse “per non aver rispettato il coprifuoco ed essere andate nella stanza di quattro uomini adulti ed aver assunto alcolici”, come ha poi spiegato la preside Francoise Lallier nel motivare la punizione, mentre l’avvocato della scuola, Hervé Renoux, ha rincarato la dose sull’Est Repubblicain, sostenendo che la responsabilità dell’accaduto “è anche delle studentesse, perché un eccessivo consumo di alcolici ha causato un comportamento inappropriato”.

Una decisione che ha però sconcertato la famiglia di Manon che, se da un lato comprende la necessità di una punizione per la violazione del regolamento scolastico, dall’altra giudica però l’espulsione sproporzionata al mancato rispetto del coprifuoco, soprattutto viste le conseguenze per la ragazzina, e ha perciò presentato un ricorso amministrativo, per chiedere la revoca del provvedimento.

“Ci troviamo di fronte alla vittima di uno stupro che dal giorno dell’aggressione non si è ancora ripresa – spiega ancora l’avvocato Richard-Maupillier su ‘Le Figaro’ – ed è tuttora talmente turbata da dover essere seguita da uno psicologo. Ecco perché non possiamo permetterle di pensare che quanto successo sia stata colpa sua. In realtà, la scuola avrebbe dovuto attuare una supervisione più rigorosa durante il viaggio, soprattutto la sera, invece non solo nessuno si è assunto le proprie responsabilità, ma i capi dell’istituto hanno addirittura evitato di rispondere alle mie domande o a quelle dei genitori e hanno preferito sbarazzarsi del problema cacciando la studentessa, prima che la vicenda diventasse troppo spinosa”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico