Teverola

Usura, per un prestito di 250mila euro costretto a cedere tre appartamenti

 TEVEROLA. Di fronte ad un prestito di 250mila euro era stato costretto a cedere agli usurai tre appartamenti del valore di 1,3 milioni di euro.

Dunque un “interesse” cinque volte superiore all’importo inizialmente ricevuto. Vittima un imprenditore di Teverola, Tommaso Patriciello, della “Patriciello Cavi”, che opera nel settore dei cablaggi elettrici, il quale, stanco di essere vessato, si è rivolto alla Guardia di Finanza, che nella mattinata di giovedì ha sequestrato i tre immobili situati a Caserta, Ischia ed Afragola.

Tra gli indagati un consulente aziendale, Vincenzo Andoli, che, secondo quanto emerso dalle indagini, nel 2004, dopo aver fatto ottenere il prestito all’imprenditore, avrebbe intestare alla moglie, al figlio e alla nipote i tre immobili che lo stesso imprenditore gli aveva ceduto in garanzia, con l’accordo che, una volta onorato il debito, sarebbero tornati nella sua disponibilità.

Si sarebbe trattato di vendite simulate, per le quali il consulente, avrebbe anche pagato un corrispettivo di 184mila euro, di gran lunga inferiore al vero valore degli immobili. I soldi, come accertato dagli inquirenti, dopo essere transitati sul conto dell’imprenditore e della moglie, erano però finiti tramite assegni circolari di nuovo al consulente che, alla scadenza dei due anni previsti per l’estinzione del prestito, si è rifiutato di restituire gli appartamenti al proprietario, chiedendogli le chiavi dell’immobile sito ad Ischia.

A supporto delle indagini anche la registrazione di uno degli incontri avuti dall’imprenditore con il consulente.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico