Orta di Atella

Pari Opportunità, l’impegno della “Stanzione”

 ORTA DI ATELLA. Sabato 8 giugno, presso la sala consiliare del Comune di Orta di Atella, arricchita con le “sagome” realizzate dalla prof.ssa Casolaro dal profondo valore simbolico sulle varie dimensioni del modo di essere donna, …

…e con le tele realizzate dagli alunni delle classi terze, su iniziativa della Dirigente della Scuola “M. Stanzione” prof.ssa Arcangela del Prete, si è tenuto il Convegno “Rispetto a noi” sul tema della violenza sulle donne e sul rispetto della differenza di genere.

Questo appuntamento è stato il momento conclusivo dell’ampio percorso che ha coinvolto gli alunni delle classi terze, i docenti e i genitori sul tema delle pari opportunità patrocinato dal MIUR e dall’USR della Campania strutturato in attività didattiche, letture, interventi laboratoriali, circle time, sportelli ascolto ecc., mirati alla decostruzione degli stereotipi e dei pregiudizi e alla riflessione sui modelli di comportamento positivi e negativi nel rapporto uomo-donna.

L’incontro, organizzato dal prof. Giuseppe Roncioni in veste anche di mediatore degli interventi, sempre brillante in questo ruolo, si è aperto con l’Inno della scuola, interpretato da un gruppo di mamme degli alunni dell’istituto, dirette dal Prof. Rosario Bergamo. Dopo i saluti istituzionali degli Assessori dott.ssa Rosa Minichino per la P.I. ed il dott. Eduardo Indaco per la cultura, la parola è passata alla Dirigente la quale ha ribadito l’importanza del ruolo che deve assumere la scuola nella diffusione e nell’affermazione di una nuova cultura del rispetto dell’identità di genere, aprendo una nuova forma di dialogo tra maschio e femmina che, partendo dalla riflessione sulla propria identità, abitui ragazzi e ragazze a un reciproco confronto aperto e libero sul tema della differenza di genere e delle pari opportunità.

 La Dirigente ha sottolineato anche l’importanza del peso che ha l’educazione familiare nella maturazione di una coscienza retta e vera, tenendo conto che essere uomo o donna comporta il riconoscimento della dignità personale, i diritti e i doveri, la complementarietà tra i due sessi, i comportamenti corretti e rispettosi della diversità.

E’ seguita la lettura da parte dell’alunna Rosanna Russo della bella poesia “L’assenza”, tratta dal libro di poesie realizzato al termine del progetto PON “A scuola con Dante” condotto dalla docente-esperta dott.ssa Raffaella Anna Aruta.Momento davvero toccante della giornata, è stata la lettura da parte della dott.ssa Tanya Brancaccio della Commissione pari opportunità, della lettera che Franca Rame ha inviato lo scorso dicembre proprio alla commissione in occasione della manifestazione contro la violenza sulle donne, al termine della quale la platea ha risposto con un lungo applauso.

L’assessore alla P.I., dott.ssa Rosa Minichino, si è soffermata sulla necessità di inasprimento delle pene per chi si macchia del delitto di violenza contro le donne. La dott.ssa Enrica Romano autrice del libro: “uomo e donna: due modi di essere umano” ha espresso l’apprezzamento per il continuo impegno della scuola “Stanzione” nei riguardi di questo problema e per la risposta positiva che del territorio.

La psicoterapeuta dott.ssa Valeria Bassolino, ha portato i saluti del segretario dell’Ordine degli Psicologi della Campania, Fausta Nasti la quale ha ringraziato la scuola e la Dirigente Del Prete per l’attivo impegno che sta profondendo per queste tematiche così drammaticamente attuali; quindi ha parlato del lavoro che, nel corso dell’anno scolastico, ha portato avanti, attuando un’azione di educazione alle emozioni con gli alunni delle classi terze mediante lavori di gruppo che prevedevano anche la partecipazione degli insegnanti, per imparare a relazionarsi con gli alunni comprendendone le criticità emotive, estendendo la sua azione anche ai genitori. Un lavoro che ha alimentato negli alunni il bisogno di rispetto reciproco dell’identità di genere, rafforzando una cultura delle pari opportunità.

Tale percorso ha avuto come ultimo atto la realizzazione degli alunni delle singole classi terze di tele, sulle quali gli alunni hanno fissato le loro emozioni, attraverso il gesto creativo del pennello e delle mani, che in alcuni casi hanno operato direttamente sulla tela. Con queste stesse tele è stata, poi, realizzata un’asta nella quale la prof.ssa Speranza Mozzillo, con tanto di martello, si è prestata, in maniera magistrale, a ricoprire il ruolo di banditrice. Il ricavato della vendita è finalizzato alla creazione di un fondo cassa destinato all’acquisto di libri per gli alunni meno abbienti.

Molto apprezzata, così come sottolineata dalla parole di plauso del prof. Roncioni è stato l’inattesa offerta dell’ass. Indaco, e che, a nome dell’amministrazione comunale, ha acquistato tutte le dodici tele per poi lasciarle a disposizione della scuola. Sempre per beneficenza, inoltre, è stato allestito dalle mamme degli alunni uno stand di vendita di dolci, il cui ricavato sarà anch’esso devoluto per l’acquisto di libri per gli alunni della Stanzione provenienti da famiglie in difficoltà economiche. Gli interventi sono stati intervallati da momenti di musica corale.

Alcuni alunni della classe 3^M hanno interpretato la struggente canzone “Gioco di bimba” delle Orme accompagnati alla chitarra dalla prof.ssa Sara D’Aniello. Il coro delle mamme, sempre diretto dal prof. Rosario Bergamo, ha, poi, interpretato la canzone “Quello che le donne non dicono”, successo di F. Mannoia. Durante la giornata, sono stati salutati i componenti uscenti del Consiglio d’Istituto ai quali è stata consegnata una pergamena e una graziosa coccinella simbolo di fortuna.

Il Convegno è stata anche un’occasione per la Dirigente, per comunicare ai numerosi genitori presenti la sintesi dei tanti prodotti, delle tante attività, dei premi, e dei progetti realizzati dalla scuola durante l’anno scolastico: i già citati percorsi sull’identità di genere e la lotta contro la violenza sulle donne, e sul rispetto dell’ambiento dal titolo “Conoscere l’ambiente che ci circonda per apprezzarlo e valorizzarlo”, destinato ai genitori, attuato in collaborazione con l’ing. Antonio Pezone esperto consulente per il progetto POR, presente tra i relatori, nell’ambito del Programma Operativo Regionale con il finanziamento del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, nell’ambito del quale i corsisti, con la guida del prof. Rosario Perrotta, hanno realizzato, tra l’altro, bellissimi lavori su tela e vari manufatti con materiale di riciclo; i Progetti PON realizzati grazie al finanziamento dei Fondi Strutturali Europei; il Trinity per lo sviluppo delle competenze nella lingua inglese; il progetto in rete “Vivere nella Strada – V annualità” realizzato con il patrocinio del MIUR; i tanti premi ricevuti sia al concorso Telethon che ai vari concorsi di poesie a cui hanno partecipato gli alunni della scuola, con menzione speciale per l’alunna Nalbone, ed in particolare i prestigiosi premi vinti al concorso di musica della città di Airola dall’orchestra della scuola e dagli alunni dei corsi di strumento musicale.

Si può sintetizzare questa giornata come il compendio di tutto ciò che la scuola cerca di offrire ai suoi alunni: occasioni di crescita morale, sociale ed espressiva, nell’ambito di un discorso che va oltre la semplice trasmissione dei contenuti disciplinari, e che richiede energie e impegno tali che solo un grande amore per la scuola può motivare; un amore che ha trovato positivo riscontro da parte delle mamme convenute, le quali hanno voluto, a sorpresa, testimoniare la loro stima e il loro affetto alla Dirigente, con una targa di ringraziamento, che ha costituito il finale più lieto e gratificante di una mattinata davvero impegnativa.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico