Italia

Violenza sulle donne, Camera ratifica Trattato di Istanbul

 ROMA. Dopo le polemiche di lunedì su un’aula di Parlamento quasi vuota, martedì pomeriggio con 545 voti a favore su 545 deputati presenti, è stata approvata la ratifica della convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica.

Tutto questo nelle stesse ore in cui veniva celebrato a Corigliano il funerale dell’ultima vittima, in ordine di tempo, del femminicidio: Fabiana Luzzi di 16 anni assassinata dal fidanzato geloso.

La convenzione, 81 articoli in tutto, riconosce la violenza contro le donne come una violazione dei diritti umani e rappresenta il primo strumento internazionale giuridicamente vincolante che mira a creare un quadro normativo completo a tutela delle donne contro qualsiasi forma di violenza.

Il testo chiede agli Stati firmatari di introdurre la penalizzazione dei matrimoni forzati, delle mutilazioni genitali femminili e dell’aborto e della sterilizzazione forzata e introduce la necessità di azioni coordinate, sia a livello nazionale che internazionale, tra tutti gli attori coinvolti nella presa in carico delle vittime, inclusi i bambini testimoni di violenza domestica.

La proposta di legge di ratifica passa ora al vaglio del Senato, che approvandola farà dell’Italia il quinto Paese (dopo Albania, Montenegro, Turchia e Portogallo) ad aver ratificato la convenzione firmata a Istanbul.

Affinchè entri in vigore il provvedimento ha bisogno di raggiungere il quorum di dieci ratifiche, di cui almeno otto da parte di Stati membri del Consiglio d’Europa.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico