Italia

Roma, rapinava uffici postali per pagare l’affitto

 ROMA. Non riusciva a pagare l’affitto perché licenziato e si è trasformato in un rapinatore di ufficili postali. La sua inesperienza però gli è stata fatale: riconosciuto dalle immagini delle telecamere per essersi messo in fila prima di mettere a segno il colpo, il bandito alle prime armi è stato individuato e arrestato dalla polizia.

Risale al 23 marzo scorso, la prima rapina commessa dall’uomo che, armato di pistola e con il volto parzialmente coperto da occhiali da sole e cappello, ha fatto irruzione all’interno dell’ufficio postale di via Adua nel quartiere africano e, con la minaccia di una pistola si è impossessato del denaro presente nelle casse dandosi poi alla fuga.
Le immagini registrate dall’impianto di videosorveglianza presente nell’ufficio e la particolare dinamica dell’evento caratterizzata dall’insolita prolungata permanenza del rapinatore all’interno dell’ufficio postale tra gli altri clienti in coda, da subito ha indirizzato le indagini degli investigatori nei confronti di un soggetto sicuramente non professionista.
I sospetti hanno trovato conferma quando, gli uomini della squadra investigativa del Commissariato ‘Vescovio’, diretto da Pasquale Fiocco, dopo accurate indagini, sono riusciti ad individuare ed identificare R.R., incensurato di 40 anni, residente nel quartiere di Monte Sacro, che, nel frattempo, aveva rapinato anche l’ufficio postale nel vicino quartiere Nomentano.
Nel corso della perquisizione nell’abitazione dell’uomo, gli investigatori hanno recuperato sia l’arma che gli abiti indossati dallo stesso per commettere la rapina. L’uomo ha raccontato agli agenti di essere stato licenziato dopo 26 anni di attività e di aver commesso le rapine per la necessità di dover pagare l’affitto di casa. Al momento, in attesa del processo, l’Autorità Giudiziaria ha disposto nei suoi confronti la misura cautelare degli arresti domiciliari.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico