Aversa

Psichiatria, a segno la protesta: trasferimento sospeso

 AVERSA. Va a segno la protesta degli operatori del servizio psichiatrico di diagnosi e cura (Spdc) del “San Giuseppe Moscati”.

Temendo la cancellazione della psichiatria quale conseguenza della decisione del responsabile del dipartimento di salute mentale di trasferire, temporaneamente, il personale medico e paramedico presso l’analogo servizio dell’ospedale di Sessa Aurunca per consentire l’effettuazione dei lavori in atto al piano sovrastante l’Spdc, considerando che spesso, troppo spesso, il temporaneo diventa permanente medici e paramedici del servizio avevano lanciato l’allarme dai media.

Dopo le assicurazioni di Salvatore Stabile, responsabile della Fials, che aveva garantito l’intervento delle organizzazioni sindacali sul tema, ricordando che nulla sarebbe avvenuto senza l’accordo con i sindacati e, soprattutto, che la psichiatria non sarebbe scomparsa né dal Moscati né da Aversa era arrivato l’intervento del consigliere regionale del Pd, Nicola Caputo, che, interessato dagli operatori, si era impegnato a chiarire la questione con i vertici dell’azienda. Un passo che sembra non sarà più necessario perché il trasferimento del personale non ci sarà più. La disposizione sarebbe stata annullata.

L’intervento di Stabile sarebbe stato sufficiente a trovare quella soluzione alternativa che chiedeva il personale dell’Spdc. “Al momento l’ordine di trasferimento, firmato il 10 maggio, è sospeso”, afferma Stabile. “Non ci sarà alcuno spostamento del personale, perché – spiega il responsabile del sindacato più rappresentato nell’azienda – su mia richiesta è stata valutata la compatibilità con la funzionalità del reparto dei lavori da effettuare sia al piano sovrastante sia all’interno dell’Spdc, dove c’è necessità d’intervenire sulla pavimentazione dissestata”.

“In entrambi i casi – continua – è stato considerato possibile mantenere in funzione il servizio psichiatrico mentre vengono eseguiti gli interventi di ristrutturazione”. “Per questo, quando si darà inizio ai lavori, nei locali del servizio psichiatrico si procederà a passi. Interessando una o due stanze per volta, in modo da potere utilizzare le rimanenti per tutte le attività di reparto”, conclude Stabile.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico