Italia

Garlasco, sentenza slittata al 17 aprile. Poggi: “Chiara ha bisogno di verita’”

Alberto StasiROMA. Slitta la sentenza sul processo di Chiara Poggi: Alberto Stasi è arrivato, con sorpresa a Roma, per attendere il verdetto.

Una sorpresa la presenza dell’unico indagato, incriminato, accusato e poi scarcerato per l’omicidio di Chiara Poggi, uccisa il 13 agosto del 2007, perché fino a giovedì aveva fatto sapere che sarebbe rimasto a Milano. Il commercialista ed ex fidanzato della vittima ora dovrà attendere il 17 aprile per il verdetto della Corte di Cassazione, quando conoscerà il suo destino. “Non ci resta che aspettare: qualsiasi sentenza ci sarà, noi la rispetteremo”: dice Gian Luigi Tizzoni, legale della famiglia Poggi.

La Cassazione dovrà decidere se confermare o meno l’assoluzione di Stasi. “Spero che i giudici capiscano che Chiara ha bisogno di verità”, ha detto la mamma di Chiara Poggi a Tgcom24.I genitori della ragazza barbaramente uccisa 6 anni fa vorrebbero riaprire il caso e cercare una volta per tutte la verità circa la morte della loro figlia. Giuseppe e Rita Poggi hanno nuovamente chiesto, tra l’altro,un esame, mai effettuato su un capello castano e cortotrovato nel palmo della mano sinistra della giovane. Si tratta di un esame sofisticato ma non costoso con cui, secondo la parte civile, è possibile individuare il Dna mitocondriale e avere una chance in più per rintracciare l’omicida. Stessa istanza riguarda i frammenti più piccoli delle unghie della giovane vittima. Oltre alla riapertura del caso, i Poggi vogliono che la Cassazione annulli la sentenza di assoluzione emessa a favore di Stasi.

Tra le tante cose, ci sarebbero poi alcune lacune tralasciate nella conduzione delle indagini: la prima riguarda la bicicletta nera da donna nella disponibilità degli Stasi (quella di cui parlò nella sua testimonianza la signora Franca Bermani) mai acquista; l’altra riguarda invece l’incompletezza del cosiddetto esame della ‘camminata’ eseguito per capire come Alberto sia riuscito a non sporcare di sangue la suola delle scarpe quando entrò nella villetta e trovò il corpo senza vita di Chiara.

Stando a sentire la difesa, il caso sarebbe invece chiuso tanto che la riapertura dello stesso è considerata “inammissibilee infondata”, così come ritiene, in generale, infondati e inammissibili i ricorsi di parte civile e confutati punto per punto in una corposa memoria firmata dal pool di legali coordinati dal prof. Angelo Giarda. Oltre a sostenere che non è da escludere l’ipotesi che l’assassino fosse un estraneo anche perché “agli atti è emersa la prova della presenza di un soggetto che non è Stasi in orario compatibile a quello dell’aggressione”, nel documento si ribadisce che le indagini sono state monodirezionali ed hanno trascurato ogni pista “alternativa” e si sottolinea che la bicicletta nera da donna non va sequestrata perché “non corrispondeva a quella usata” dal killer.

In più, come è stato riferito, l’accertamento per estrarre il Dna mitocondriale dal capello castano e biondo non è necessario e non porterebbe a nulla e comunque, ad avviso dei difensori, può essere effettuato quando sarà definitivamente calato il sipario sul processo.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Aversa, “La politica che serve”: incontro alla Maddalena di Millennials e associazioni https://t.co/eoHmUx4HAK

Casoria, assegno contraffatto: il giudice assolve imputato per depenalizzazione reato https://t.co/692IQmILm1

Napoli - Osteoporosi, un "killer" per donne anziane: esperti a confronto (13.12.18) https://t.co/vITd0SETul

Criminologia, lectio magistralis di Annalisa Castrechini all'Università "Vanvitelli" - https://t.co/gU5OspT9RZ

Condividi con un amico