Esteri

Siria, Usa: “No a uso di armi chimiche”

 WASHINGTON. “L’uso di armi chimiche” in Siria “è inaccettabile”. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Jay Carney.

Il monito arriva dopo il lancio di un razzo su Aleppo, che ha causato la morte di almeno 25 persone. Un fotografo della Reuters ha raccontato di aver visto “gente che soffocava nelle strade e che si è sentito un forte odore di cloro”. Ancora sconosciuta la provenienza del missile: le forze lealiste e quelle dell’opposizione si scambiano le colpe.
“Non abbiamo alcuna prova a sostegno delle accuse di uso di armi chimiche da parte dell’opposizione”, sottolinea il portavoce della Casa Bianca. “La Siria sarà oggetto di dibattito nel corso del viaggio” in Medio Oriente del presidente Barack Obama, ha aggiunto.

Al momento non ci sono conferme da parte dei governi occidentali o di organizzazioni internazionali di un attacco chimico per il quale la Russia, alleata di Damasco, accusa i ribelli. La Gran Bretagna ha fatto sapere che se sarà confermato che l’attacco è avvenuto cambierà la sua posizione.

Il ministro dell’Informazione siriano ha detto che nell’attacco, a suo dire compiuto dai ribelli, sono morte 16 persone e ne sono rimaste ferite 86. La tv di Stato invece ha parlato di 25 morti mentre l’Osservatorio siriano per i diritti umani ha parlato di 26 morti, tra cui 16 soldati.

Il governo siriano e ribelli si accusano a vicenda di aver sparato oggi un razzo carico di agenti chimici alla periferia di Aleppo, nel nord del Paese, in quello che, se confermato, sarebbe il primo caso di ricorso a questo genere di armi dall’inizio del conflitto. Il ministro dell’Informazione ha definito il lancio del missile una “pericolosa escalation” dei ribelli. Ma un alto comandante dei ribelli ha negato l’accusa, aggiungendo di credere che le forze leali ad Assad abbiano sparato un missile Scud con agenti chimici.

Si teme che il presidente Bashar al Assad, che da due anni è alle prese con una rivolta che lo vuole estromettere, abbia un arsenale chimico. I funzionari siriani non lo hanno mai né confermato né smentito, sottolineando però che se ci fosse verrebbe usato per difendere il paese contro le aggressioni straniere e non contro i siriani. Non ci sono invece rapporti precedenti di armi chimiche nelle mani dei ribelli.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico